Cronaca Salute Ultime Notizie

Bolzano. Più uomini che donne sono colpiti dal cancro, muoiono 632 maschi, 507 donne in media all’anno

4 Febbraio 2020

author:

Bolzano. Più uomini che donne sono colpiti dal cancro, muoiono 632 maschi, 507 donne in media all’anno

In occasione del Giornata Mondiale contro il cancro – 4 febbraio- per iniziativa dell’Assistenza Tumori Alto Adige si sono incontrati tre esperti del settore, la dirigente medico di primo livello di Oncologia Medica dell’Ospedale di Bolzano Dr.ssa Emanuela Vattemi, il medico specialista in oncologia dell’Ospedale di Brunico Dr. Christoph Leitner, e il Primario di Patologia e Istologia Anatomica Dr. Guido Mazzoleni
Dalle statistiche emerge che nel periodo 2012-2016 in Alto Adige 2.837 persone ogni anno hanno sviluppato un tumore, di cui 1.277 donne e 1.560 uomini (sono esclusi i tumori della pelle). Tra gli uomini il cancro alla prostata è la tipologia più comune con il 21% dei casi, seguito dal tumore del colon retto (13%), dal cancro ai polmoni (10%) e dal cancro alla vescica (10%).
Le donne si sono ammalate maggiormente di tumore al seno (28%), seguito dal tumore al colon-retto (12%), tumore ai polmoni (7%) e melanoma (6%). In media ogni anno tra il 2014 ed il 2018 sono deceduti 1.139 altoatesini a causa di una malattia tumorale, più uomini (632) che donne (507). „ Nei maschi il numero di nuovi casi sta diminuendo, nelle femmine rimangono stabili”, dice il primario Mazzoleni.
Emanuela Vattemi e Christoph Leitner hanno parlato degli sviluppi attuali e futuri dell’oncologia. Hanno riferito che la malattia sta subendo un cambiamento: “Il cancro non è più un’unica malattia, ma una moltitudine di quadri clinici diversi. Per questo motivo anche l’oncologia come settore specialistico sta cambiando. Stanno emergendo molte nuove opzioni preventive, diagnostiche e terapeutiche, basate sui diversi processi biologici e genetici delle malattie molecolari. Questo apre a nuove opportunità, ma è anche costoso”, spiegano Vattemi e Leitner.
A ciò si aggiunge lo sviluppo demografico della società: stiamo invecchiando ed il numero di nuovi casi è in aumento.
Secondo i due oncologi tutto ciò porta alle seguenti domande. Come possiamo mantenere l’oncologia in Alto Adige ad un prezzo accessibile ed allo stesso tempo ad un livello qualitativo elevato? Una rete oncologica può fornire risposte? Quali soluzioni può portare la ricerca? E come possiamo introdurre tempestivamente i risultati delle ricerche più recenti nella pratica altoatesina? Infine, ma non per questo meno importante, la carenza di specialisti ha un ruolo importante: gli specialisti necessari devono essere formati oppure essere selezionati da altre realtà
Le cause principali dell’insorgenza del cancro possono essere identificate nello stile di vita individuale: la mancanza di esercizio fisico, una dieta poco sana, il sovrappeso, il consumo eccessivo di alcol ed il fumo sono considerati fattori di rischio; due tumori su tre sono dovuti ad esso.

Foto, Conferenza stampa

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *