Cultura & Società Ultime Notizie

Azione “Io Rinuncio 2020 for future”

26 Febbraio 2020

author:

Azione “Io Rinuncio 2020 for future”

Per la Quaresima 2020 l’azione “Io Rinuncio” ha scelto il tema “for future”. I partecipanti – 65 tra associazioni, organizzazioni e istituzioni pubbliche e private – vogliono sottolineare come ognuno di noi possa contribuire a rendere il mondo migliore, impegnandosi nella tutela dell’ambiente e del clima come anche nelle relazioni interpersonali. Per rendere partecipe il maggior numero di persone possibili è stato elaborato anche quest’anno un manifesto a forma di calendario, che invita ad aprire ogni giorno una finestrella, dietro le quali si nascondono molteplici suggerimenti di rinunce da mettere in atto. Oltre al calendario le organizzazioni e istituzioni partecipanti all’azione “Io Rinuncio for future” proporranno alla popolazione una serie di iniziative e attività inerenti al tema scelto quest’anno.

L’azione “Io Rinuncio” fin dall’inizio non è stata pensata solo per rinunciare ad alcol, dolci o cibo cosiddetto di conforto, ma per mettere in discussione atteggiamenti e modi di comportamento abitudinari. “La tutela del clima e dell’ambiente, ma anche una buona convivenza sociale e buoni rapporti interpersonali dipendono molto da noi stessi e dai nostri comportamenti. Con il tema ‘for future’ vogliamo contribuire consapevolmente a mettere in discussione le nostre abitudini, diventare più consapevoli del nostro ruolo e, se necessario, impegnarci per il cambiamento. Si tratta, dopo tutto, del nostro futuro!”, dice Peter Koler, direttore del Forum Prevenzione, che in collaborazione con la Caritas, Katholischer Familienverband, Dipartimento di Istruzione di Formazione Tedesco e Ladino e Arbeitsgemeinschaft der Jugenddienste ha dato vita a questa azione. All’azione “Io Rinuncio” hanno aderito ogni anno un numero crescente di associazioni e istituzioni, quest’anno se ne possono contare ben 65. L’azione, che festeggia il suo 16o anniversario, sarà sostenuta anche dall’iniziativa “Friday’s for future South Tyrol”.
Uno studio Astat condotto quest’anno dimostra che l’azione “Io rinuncio”, in Alto Adige, fa ormai parte del sentire comune della Quaresima. Il 44 per cento degli altoatesini dai 14 agli 85 anni conosce, infatti, l’azione. Tra questi, quasi tutti (84%) la valuta positivamente e uno su quattro (23 per cento) ha partecipato ad essa nel 2019. Di questi, circa il 90% ha rinunciato del tutto o in parte agli alcolici.
L’azione “Io rinuncio 2020” partirà il mercoledì delle Ceneri (26 febbraio) e terminerà il Sabato Santo (11 aprile). Per ciascun giorno dell’azione, sul manifesto volutamente realizzato a forma di calendario, si trova una proposta di rinuncia. Per incentivare il maggior numero possibile di persone a partecipare e dare visibilità all’azione “Io Rinuncio” saranno utilizzati canali social come Facebook e Instagram, oltre a programmi radiofonici e inserti pubblicitari.
“youngCaritas for future”: la youngCaritas invierà durante l’azione “Io Rinuncio” messaggi brevi su Facebook e Instagram, ma anche via e-mail, con lo scopo di interrogare e fare riflettere chi legge. “Durante la quaresima non vogliamo pensare solamente a noi stessi, ma anche agli altri, ai nostri rapporti con loro e a come migliorarli”, spiega il direttore della Caritas Paolo Valente. Chi volesse ricevere i messaggi della youngCaritas via e-mail è invitato a registrarsi all’indirizzo della youngCaritas forfuture@youngcaritas.bz.it inserendo come oggetto “ForFuture”. I messaggi saranno inviati ogni lunedì, mercoledì e venerdì.
“Vivere bene”: durante l’azione “Io rinuncio” il Katholischer Familienverband Südtirol (KFS) presenterà una delle quattro iniziative settimanali del suo progetto “vivere bene”. L’iniziativa si svolgerà tra il 9 e il 15 marzo e sarà dedicata al tema “Troppo buono per il bidone”. Il KFS con questa iniziativa vuole incentivare le famiglie a prestare più attenzione alla sostenibilità e a trattare con maggiore rispetto gli alimenti. “Le famiglie sono i primi trasmettitori di valori nella nostra società”, dice la presidente del KFS Angelika Weichsel Mitterrutzner. Lo scopo dell’azione è dare degli input per far riflettere famiglie e interessati sull’importanza del rispetto nei confronti delle persone e della natura. L’iniziativa settimanale sarà organizzata in collaborazione con il Centro Tutela Consumatori. Chi volesse partecipare, o fosse interessato ad avere ulteriori informazioni, può visitare il sito dell’associazione all’indirizzo www.familienverband.it.
F(r)isch.mich– l’alternativa naturale: con questo slogan l’Associazione delle Donne Coltivatrici Sudtirolesi vuole incoraggiare i consumatori ad usare borse riutilizzabili per la spesa. Leggere, lavabili, ecologiche e con un design originale, queste borse sono particolarmente utili per coloro che acquistano i prodotti nei mercati contadini, direttamente dagli agricoltori o nei negozi di frutta e verdura. Riutilizzabili e realizzate con materiali naturali, le borse verranno distribuite ai consumatori durante l’azione “Io Rinuncio”, contribuendo così alla protezione dell’ambiente. A tutti gli interessati verrà anche distribuita una guida su come realizzare passo dopo passo una borsa riutilizzabile fai-da-te. Il focus dell’azione “Io rinuncio 2020” è posto sulla riduzione dell’utilizzo delle borse di plastica. Informazioni ulteriori saranno disponibili su www.baeuerinnen.it. L’azione è sostenuta dalla Federazione Cooperative Raiffeisen.
Donare gioia – con parole & musica: ci sono alcune parole che sarebbe meglio non sentir mai pronunciare, a parole che portano gioia però non si dovrebbe mai rinunciare. Nell’ambito dell’iniziativa “WortSchatzSüdtirol”, il JUKIBUZ, che fa parte del Südtiroler Kulturinstitut, ha incoraggiato tutti gli altoatesini ad inviare le parole che mettono loro gioia. Una selezione delle più belle proposte con le loro motivazioni saranno presentate in lingua tedesca al pubblico dall’attore Peter Schorn. Il trio Cordes y Butons accompagnerà l’evento con musica dal vivo, in modo da permettere alle parole raccolte, assieme alla musica, di portare gioia a tutti i pazienti, visitatori e dipendenti dell’ospedale di Bressanone. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con il Comprensorio sanitario di Bressanone, si svolgerà infatti all’interno della struttura ospedaliera brissinese, martedì 24 marzo alle ore 10.30 presso la casa C (ex Sanatorio), lato sinistro.
Sul tema della rinuncia all’utilizzo dei sacchetti di plastica anche i “Centri Genitori Bimbi” (Elkis) porteranno il loro contributo. Nei centri, i genitori potranno trovare durante tutta l’azione degli stendini con borse di stoffa appese che potranno utilizzare e riportare qualora ne avessero bisogno. L’invito è quello di replicare l’iniziativa anche in altri luoghi.
La Direzione Istruzione tedesca e ladina sostiene l’azione Io Rinuncio, chiedendo alle scuole di incentivare questa iniziativa, con l’obiettivo durante la Quaresima di mettere in discussione in modo critico alcuni modelli di comportamento nell’utilizzo della plastica e di impegnarsi per possibili cambiamenti positivi. In considerazione del cambiamento climatico, le giovani generazioni possono contribuire attivamente alla riduzione dell’uso della plastica e seguire alcuni consigli o implementare ulteriori idee creative per dare un sostegno specifico a favore dell’ambiente a scuola o nella loro vita personale.

Chi partecipa all’azione “Io rinuncio”?
Organizzatori: Forum Prevenzione; Katholischer Familienverband Südtirol; Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone; Dipartimento istruzione e formazione tedesca; Dipartimento istruzione e formazione ladina; Arbeitsgemeinschaft der Jugenddienste Südtirols;
Con il sostegno: Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige – Ripartizione Salute; Tageszeitung Dolomiten; Katholisches Sonntagsblatt; Südtirol 1; Radio Tirol; Radio Grüne Welle; Radio Sacra Famiglia;
Partner: Prevenzione alcol in Alto Adige
Partecipano all’iniziativa: Hands – Centro consulenza e interventi per problemi di alcol e farmacodipendenza; Centro terapeutico Bad Bachgart; Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della provincia di Bolzano; ACLI – Associazione cristiane lavoratori italiani; KVW Katholischer Verband der Werktätigen Südtirols; netz | Offene Jugendarbeit; AGESCI Associazione guide e scouts cattolici italiani; VSS Verband der Sprotvereine Südtirols; UPAD Università popolare delle alpi dolomitiche; SJR Südtirols Jugendring; Intendenza scolastica italiana – educazione alla salute; Servizio giovani – cultura italiana; Amt für Jugendarbeit-Deutsche Kultur; Consorzio dei comuni della provincia di Bolzano; Comunità comprensoriale Oltradige Bassa Atesina; Comunità comprensoriale Valle Isarco; Comunità comprensoriale Valle Pusteria; Comunità comprensoriale Salto-Sciliar; Comunità comprensoriale val Venosta; Comunità comprensoriale Wipptal; Comunità comprensoriale Burgraviato; VSM Verband Südtiroler Musikkapellen; KFB Katholische Frauenbewegung; KMB Katholische Männerbewegung; UVF Unione provinciale dei vigili del fuoco volontari dell’Alto Adige; Centro tutela consumatori utenti; Azienda sanitaria dell’Alto Adige; Bibliotheksverband Südtirol; AVS Alpenverein Südtirol; La strada-der Weg; Ripartizione formazione professionale agricola, forestale e di economia domestica; SCV Südtiroler Chorverband; CRI Croce rossa italiana; Bergrettungsdienst im Alpenverein Südtirol; C.N.S.A.S. Soccorso alpino e speleologico Alto Adige; youngCaritas; Croce bianca ass. prov.le di soccorso; Infes Centro per i disturbi alimentari; Assistenza tumori Alto Adige; Associazione Jugendhaus Kassianeum; Federazione protezionisti sudtirolesi; Associazione sudtirolese a favore della salute SGGF; Cooperativa sociale Metaziel Onlus; Consultorio familiare Ehe- und Erziehungsberatung Südtirol; Associazione delle donne coltivatrici sudtirolesi; Südtiroler Theaterverband; Heimatpflegeverband Südtirol; Associazione Frauen helfen Frauen; Associazione volontariato in montagna Alto Adige; Kolpingjugend Südtirol; Rete Centri Genitori Bambini Alto Adige; Arbeitsgemeinschaft Südtiroler Heime (a*sh); Arbeitsgemeinschaft Volkstanz; Südtiroler Kulturinstitut; KSL – Katholischer Südtiroler Lehrerbund; biblioteche dell’Alto Adige; Centro per la Pace Bolzano; Associazione musei Alto Adige;
Nuovi partecipanti: Azione Cattolica – Diocesi Bolzano-Bressanone

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *