Cultura & Società Ultime Notizie

Nota della Consulta dei direttori dell’Università di Trento su Medicina

4 Gennaio 2020

author:

Nota della Consulta dei direttori dell’Università di Trento su Medicina

Si è consumato in questi mesi uno scontro istituzionale tra la Provincia autonoma di Trento e l’Università di Trento sul tema dell’istituzione di un nuovo corso di laurea in medicina e chirurgia. Un’iniziativa del genere richiede, per i costi, le implicazioni, le conseguenze, una discussione trasparente e fondata su dati di fatto.
La nostra università, naturale sede di un tale progetto e impegnata da molti mesi nel realizzarlo, si è vista de facto esclusa dalla discussione, esautorata della possibilità di presentare il suo piano al presidente della giunta provinciale, che ha al contrario incaricato del compito un soggetto terzo esterno al Trentino, l’Università di Padova. Allusioni esplicite – raccolte in una conferenza stampa e in interviste video – del presidente della giunta fanno ora presagire un orientamento della giunta stessa a finanziare il progetto patavino, e ad indurre l’Università di Trento a mettersi al servizio di tale progetto con il proprio assetto logistico.
Come rappresentanti del corpo docente dell’Università di Trento manifestiamo le nostre più forti perplessità sul modo in cui l’iniziativa della giunta provinciale è stata portata avanti e comunichiamo la nostra ferma indisponibilità a partecipare a un progetto didattico che non sia frutto dell’elaborazione, discussione e approvazione da parte degli organi competenti del nostro ateneo, secondo quanto previsto dai processi di assicurazione della qualità per i quali lo stesso nostro ateneo ha ricevuto il massimo della valutazione attribuita dagli organi ministeriali.
Esprimiamo inoltre il nostro profondo rammarico per l’intenzione di non valorizzare i ricercatori e i docenti dei nostri dipartimenti e centri, delegando a soggetti esterni la pianificazione, la direzione e la realizzazione della nuova iniziativa formativa.
Ciò determina una palese violazione dei principi che dovrebbero regolare le relazioni tra la sfera politica e l’università. Limita inoltre il diritto costituzionale di autodeterminazione didattica dei docenti dell’Università di Trento, e altera in maniera molto grave i termini dello speciale, e finora fruttuoso, rapporto che in Trentino lega l’università e le istituzioni del governo territoriale.
Più in generale, esprimiamo grande preoccupazione per le sorti di un ateneo fortemente voluto dal suo territorio, e che, grazie anche al costante sostegno del territorio stesso, lo ha servito per più di cinquanta anni, conquistandosi la stima dell’accademia italiana e internazionale.
Ci auguriamo che il presidente della giunta provinciale receda da ulteriori atti che possano violare i principi ispiratori che legano la giunta provinciale all’Università di Trento. Chiediamo inoltre, e con forza, al presidente della giunta provinciale un’inversione di tendenza, e la ripresa di un dialogo costruttivo con l’ente statale suo interlocutore naturale per l’alta formazione e la ricerca, l’Università di Trento. Nell’interesse non solo della nostra università, ma soprattutto del sistema sanitario trentino e dei malati che hanno bisogno di cure all’altezza delle sfide di oggi.

La Consulta dei Direttori
Professor Marco Andreatta
Professor Paolo Baggio
Professor Flavio Bazzana
Professor Oreste Bursi
Professor Fulvio Cortese
Professor Mario Diani
Professor Andrea Fracasso
Professor Paolo Giorgini
Professor Marco Gozzi
Professor Carlo Miniussi
Professor Giulio Monaco
Professoressa Ilaria Pertot
Professor Dario Petri
Professor Alessandro Quattrone
Professoressa Paola Venuti

Foto/c-Giovanni Cavulli.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *