Cronaca Ultime Notizie

Merano. Via Mozart diventa zona di sosta breve

27 Dicembre 2019

author:

Merano. Via Mozart diventa zona di sosta breve

La delibera adottata dalla Giunta comunale per ritoccare le tariffe del bluepark contempla anche un provvedimento per migliorare la viabilità in via Mozart e assecondare così le richieste dei commercianti della zona. La strada è diventata infatti area di sosta breve. La durata massima della sosta è limitata a un’ora.

In pratica significa che i residenti della zona in possesso di un abbonamento bluepark non potranno più parcheggiare le loro auto in via Mozart, ma dovranno farlo nelle strade circostanti, riservate appunto a chi abita nel rione musicisti. Lì gli stalli non sono contrassegnati da linee blu bensì bianche. Altrimenti le aree di sosta che possono essere occupate sia dagli abbonati sia dagli altri utenti della strada continuano a rimanere contrassegnate col colore blu.
“Ci siamo così adeguati a una nuova direttiva del Ministero dei trasporti, che prescrive la demarcazione blu per i posti auto nei quali possono parcheggiare tutte le cittadine e tutti i cittadini”, ha spiegato il capitano della Polizia locale Merano/Burgraviato Karl Stricker.
La nuova segnaletica in via Mozart è stata allestita nei giorni scorsi. Anche il parcometro è stato riprogrammato.
“La nuova regolamentazione della sosta in via Mozart è stata decisa in accordo con gli esercenti della zona per rendere più facilmente disponibili i parcheggi per coloro che in quella strada effettuano acquisti o usufruiscono di servizi. Finora gli stalli venivano spesso occupati da persone che si recavano all’ospedale, che peraltro dispone di un proprio parcheggio. Sono stati predisposti anche due stalli per il carico e scarico delle merci, con la sosta limitata a 30 minuti”, ha spiegato l’assessora alla mobilità Madeleine Rohrer.
Dall’indagine effettuata nel 2017 dal Comune risulta che per effettuare commissioni e acquisti il 40% dei meranesi si muove a piedi, il 29% in auto, il 20% in bici e l’8% utilizzando i mezzi del trasporto pubblico.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *