Cultura & Società Ultime Notizie

“Gli Eroi che sfidarono Cosa Nostra”, conferenza a Rovereto

17 Dicembre 2019

author:

“Gli Eroi che sfidarono Cosa Nostra”, conferenza a Rovereto

Il Comune di Rovereto in collaborazione con il Liceo scientifico Galilei di Trento e l’associazione ”L’albero dei Forti” ha programmato un interessante incontro giovedì 19 dicembre 2019 alla Sala Filarmonica Rovereto (ore 20,30) sul tema “Gli eroi che sfidarono Cosa Nostra” per la presentazione del libro “Squadra Mobile Palermo – L’avamposto degli uomini perduti” di cui è autore Alessandro Chiolo. Con lo scrittore intervengono: Francesco Accordino, ex-capo Squadra Omicidi di Palermo e il Sindaco di Rovereto Francesco Valduga.
(modera Marco Luscia)-
Il libro ricorda la Palermo tra il 1981 e il 1986, città che subisce la seconda guerra di mafia e che si prepara al maxiprocesso. Ma è anche la città che vanta un nucleo investigativo oltremodo valido, tanto da mettere paura ai corleonesi, che avranno necessità di eliminare quei poliziotti uno ad uno per proseguire la loro ascesa. Grazie alla testimonianza di Francesco Accordino, allora capo della sezione Omicidi, unico superstite, Alessandro Chiolo mette a fuoco in queste pagine gli uomini “perduti” di quella squadra Mobile – Roberto Antiochia, Ninni Cassarà, Natale Mondo, Beppe Montana, Calogero Zucchetto – che grazie alle voci dei familiari e di altri colleghi, emergono sotto il profilo umano oltre che professionale. Il contesto storico viene ricostruito tramite la lettura e l’analisi del “Rapporto Michele Greco + 161” , un documento unico, risultato delle intuizioni di quei professionisti su una Cosa nostra la cui struttura non era ancora conosciuta, le cui dinamiche risultavano di difficilissima interpretazione. Seguendo le evoluzioni di quelle indagini si arriva al “luogo naturale” in cui confluirono, e cioè quel “bunkerino”, oggi divenuto “Museo Falcone Borsellino” grazie a Giovanni Paparcuri, scampato miracolosamente all’attentato di Rocco Chinnici e divenuto poi responsabile dell’informatizzazione dell’intero ufficio Istruzione, di fianco a Paolo Borsellino e Giovanni Falcone.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *