Cultura & Società Ultime Notizie

Merano. Oltre 3.000 euro per Movember

25 Ottobre 2019

author:

Merano. Oltre 3.000 euro per Movember

Festa dell’Uva Merano – Tradizione in movimento.

La somma, destinata alla fonazione che finanzia ricerche per la salute maschile, raccolta con il concorso per la barba e i baffi più belli.    

Oltre 3.000 euro: a tanto ammonta il ricavato del “Movember Charity Contest” andato in scena sabato 19 ottobre nella cornice della Festa dell’Uva a Merano. La somma è devoluta a Movember, la fondazione che finanzia ricerche innovative per la prevenzione della salute maschile.

“Grow a Mo, save a Bro” è lo slogan della fondazione e delle sue iniziative: ispirandosi ad esso l’Azienda di Soggiorno, regista della Festa dell’Uva, ha organizzato questa azione di beneficenza destinata ai MoBro’s in collaborazione con Birra FORST e Roland Hillebrand di Radio Südtirol 1: un concorso che ha premiato la barba e i baffi più belli.

La sfida si è tenuta sulla Passeggiata Lungo Passirio all’altezza della scalinata delle fontane, davanti a un folto e divertito pubblico. Quindici i partecipanti: tredici altoatesini, un ospite svizzero e uno tedesco. Le donazioni, le birre FORST per lo stand Movember e l’asta di tre quadri firmati dal vignettista Peppi Tischler (fra l’altro componente della giuria) hanno consentito di raccogliere più di 3.000 euro.
Il concorso ha premiato Friedrich Rassler, pensionato di Lagundo, per i migliori baffi, mentre nella categoria “barbe” ha vinto il meranese Helmut Menz.

Movember a Merano continua.
Segno di partecipazione da parte di tutti gli uomini è tagliarsi radersi la barba (del tutto o accorciandola) da domenica 27 ottobre e lasciarla crescere (anche solo i baffi) per tutto il mese di novembre. Dove? Presso il parrucchiere e barbiere Hair style by Andrè.
A Merano, è possibile partecipare a più iniziative, tutte volte a raccogliere fondi e ad attirare l’attenzione sul tema della salute maschile: informazioni su www.facebook.com/movemberbz

Foto/c-Azienda di Soggiorno – Barbara Mathà.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *