Cultura & Società Ultime Notizie

A Bolzano SPETTACOLI E LABORATORI TEATRALI PER GIOVANI E STUDENTI

15 Ottobre 2019

author:

A Bolzano SPETTACOLI E LABORATORI TEATRALI PER GIOVANI E STUDENTI

OFFICINA TEATRO è un’iniziativa realizzata dal Teatro Stabile di Bolzano in collaborazione con i Dipartimenti Cultura italiana e Istruzione e Formazione italiana della Provincia Autonoma di Bolzano e sostenuta dal Comune di Bolzano.

OFFICINA TEATRO include W IL TEATRO!, la stagione teatrale dedicata alle scuole di ogni ordine e grado, i laboratori per le scuole, i corsi Giovani in scena e Giovani in scena Young

OFFICINA TEATRO coinvolge tutte le scuole, da quelle dell’infanzia agli istituti secondari di secondo grado, oltre ai cittadini che desiderano avvicinarsi all’arte del teatro.

Nel corso dell’anno scolastico 2019-2020 W IL TEATRO! raggiungerà 45.000 studenti, proponendo più di 200 repliche degli spettacoli delle migliori compagnie a livello nazionale di “Teatro ragazzi” sui palcoscenici di Bolzano, Merano, Brunico, Bressanone, Vipiteno, Egna e Laives, e in tutte le scuole dell’infanzia di lingua italiana della provincia, da Silandro a Dobbiaco, da Brennero a Salorno.

Per favorire l’integrazione e la comunicazione e proporre spunti culturali e artistici, la stagione per le scuole W IL TEATRO! giunta alla trentunesima edizione, offre agli studenti delle scuole dell’infanzia, della scuola primaria, della scuola secondaria di I e II grado la possibilità di vedere spettacoli accuratamente selezionati e pensati appositamente per le varie fasce d’età e propone inoltre dei laboratori che si svolgono all’interno degli istituti scolastici.

A questa intensa stagione teatrale si affiancano più di 140 laboratori dedicati all’approfondimento dei linguaggi teatrali e i corsi Giovani in scena e Giovani in scena Young, due percorsi diversificati per fasce d’età.

OFFICINA TEATRO è un progetto esteso e capillare ideato per interagire attivamente con il territorio e con alcune realtà significative che lo valorizzano, come il Centro di cultura giovanile Vintola 18 e l’Associazione Culturale Theatraki.

W IL TEATRO! LA Stagione di “Teatro Ragazzi”

La trentunesima stagione di W IL TEATRO! realizzata dal Teatro Stabile di Bolzano e dal Dipartimento Cultura, Istruzione e Formazione italiana della Provincia Autonoma di Bolzano, propone un’accurata selezione di appuntamenti teatrali dedicati agli studenti, dalle scuole d’infanzia alle secondarie di II grado.

Due i titoli proposti per le scuole dell’infanzia, quattro quelli per la scuola primaria e uno per la scuola secondaria di primo grado. Alle studentesse e agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado W IL TEATRO! propone una selezione di sette spettacoli scelti tra i titoli che compongono le stagioni dello Stabile e delle Verenigte Bühnen Bozen.

Alle scuole dell’infanzia il Teatro Stabile dedica Mamma Orsa, uno spettacolo della compagnia trentina I Teatri soffiati che abbraccia i temi universali delle emozioni parlando dritto al cuore di paura, abbandono, tenerezza e amore e coraggio. Liberamente ispirato alla fiaba di Alessandra Fella, La battaglia dei calzini proposta dalla Cooperativa Teatrale Prometeo di Bolzano, racconta di una rivalità che nasce dalla presenza in una scatola di calzini spaiati e non…ma dalla battaglia si passa fortunatamente al gioco.

Per le I e II classi della scuola primaria, W IL TEATRO! ha selezionato Biancaneve della compagnia Baracca Testoni di Bologna e L’omino del pane e l’omino della mela della Compagnia Fratelli Caproni di Milano: due spettacoli con due linguaggi differenti, che hanno riscosso un grandissimo successo.

Strutturato come teatro nel teatro, Biancaneve vede i tecnici di palcoscenico improvvisarsi attori, ed è uno spettacolo estremamente esilarante. L’omino del pane e l’omino della mela è uno spettacolo cult del teatro per bambini, con due attori che attraverso la clownerie, mimica facciale e il corpo e poche parole raccontano una storia a dir poco avvincente.

Coinvolgenti ed emozionanti, gli spettacoli proposti per le classi III, IV, V delle scuole primarie, affrontano tematiche diverse. Ispirato a La Sirenetta, fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen, Senzacoda è messo in scena dalla Compagnia Manifatture Teatrali Milanesi: due giovani attori interpretano una fiaba sulla diversità, con l’auspicio che possa essere trasformata in realtà. Divertente ed esilarante, Fa’ la cosa faticosa della compagnia Teatro delle Briciole di Parma, mette in scena un tema che attanaglia le nuove generazioni: “la stanchitudine”. Al centro dello spettacolo – tra rap e ironia – l’idea che sia la mancanza di motivazione a generare fatica.

Alle studentesse e agli studenti delle scuole secondarie di primo grado, W Il TEATRO! propone Zanna Bianca di Jack London, uno spettacolo di Luigi D’Elia scritto assieme a Francesco Niccolini che affascina con la voce, il gesto e la musica. Questo monologo restituisce il fascino di racconti ambientati in regioni remote, ispirati alla vita avventurosa di solitari cacciatori di pellicce dei tempi passati. Racconta di una vita che volta le spalle alle imposizioni della civiltà moderna per ricreare, davanti a una natura intatta e meravigliosa, un appagamento alle inquietudini dello spirito.

Inediti, insoliti, innovativi e profondamente contemporanei sono gli spettacoli proposti per le scuole secondarie di II grado, prodotti dal Teatro Stabile di Bolzano e da Vereinigte Bühnen Bozen.

Il primo appuntamento è con Europa Cabaret, un evento speciale proposto al Centro Trevi, un luogo di cultura dove si incroceranno i testi di Michele De Vita Conti e Roberto Cavosi e le visioni registiche di Serena Sinigaglia e Carlos Martín. Europa Cabaret è una collaborazione italo-spagnola-sudtirolese che diventa un racconto corale di frammenti di storia millenaria, interpretata da attori plurilingui. Dal mito del ratto di Europa alla Brexit, passando per le crociate, la narrazione si muove senza soluzione di continuità dal tragico al comico con quella libertà espressiva di cui necessita il teatro oggi. Tra archetipi e attualità si muove anche Della Madre, il secondo spettacolo in programma. Dopo aver indagato la figura evanescente dei padri contemporanei Mario Perrotta sposta la lente di ingrandimento sulla figura della Madre, avvalendosi sempre della consulenza drammaturgica di Massimo Recalcati. Assieme a Paola Roscioli, Perrotta si avvicina alla figura materna che ha mantenuto costante nel tempo una sorta di sacralità e onniscienza che la rende ingiudicabile, al di sopra del bene e del male. Al centro di tutto questo, ancora una volta, figlie e figli silenti, assenti fisicamente dalla scena ma perni assoluti della vicenda narrata.

Gli ultimi giorni di Giuda Iscariota di Stephen Adly Guirgis è un vero e proprio cult, rappresentato in tutto il mondo. Il Teatro Stabile di Bolzano lo porta in scena con la traduzione e la regia di Leo Muscato e propone questa prima nazionale nella stagione W Il teatro! Siamo in un’aula di Tribunale in un angolo del Purgatorio chiamato Speranza. È qui che le anime tormentate attendono di sapere se saranno assegnate in modo permanente all’Inferno o al Paradiso. Un giudice annoiato e severo rinvia a data da destinarsi tutti i casi che il suo buffo Cancelliere gli presenta. Ma questa volta c’è un caso di cui non riesce a disfarsi: quello di Giuda Iscariota di cui una determinatissima avvocatessa si oppone all’ennesimo rinvio. Gli ultimi giorni di Giuda Iscariota è un dramma giudiziario che racchiude inserti poetici e onirici di disarmante e inaspettata intensità e commozione.

Per quanto riguarda gli spettacoli in lingua tedesca prodotti da Vereinigte Bühnen Bozen, quest’anno

W Il TEATRO! propone tre produzioni con prospettive teatrali molto diversificate: Shut up di Jan Sobrie e Raven Ruëll, ha per protagonisti tre antieroi e parla di giovani e dei problemi ad essi legati. In maniera divertente e non moralistica tratteggia la condizione di chi non viene incluso nella canonica categoria dei “normali”; tratto dall’omonimo romanzo di Joseph Roth, Radetzkymarsch è uno spettacolo dedicato alle studentesse e studenti dai 16 anni che racconta la decadenza e il lento disfacimento dell’Impero d’Austria-Ungheria attraverso la storia di tre generazioni della famiglia von Trotta, di recente nobiltà, dal 1860 al 1916. Un affresco di un’epoca di passaggio reso vivido dai personaggi protagonisti della narrazione, primo tra tutti Joseph von Trotta. Sullo sfondo campeggia l’intramontabile figura del vecchio imperatore Francesco Giuseppe: emblema vivente dei già idealizzati tempi passati, ma d’altro lato anche simbolo della senescenza di una realtà politica avviata al tramonto, quella della dinastia Asburgo-Lorena che mantiene unito un Impero multietnico.

A tribute to Giorgio infine, è un musical che racconta l’ascesa all’olimpo della musica pop e dance di Giorgio Moroder, produttore discografico, compositore e disc jockey gardenese. Maestro dell’innovazione, Moroder ha sempre avuto una sensibilità spiccatissima che gli ha permesso di anticipare correnti artistiche e musicali. Un viaggio attraverso la sua vita costellato dalle sue canzoni.

LABORATORI TEATRALI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I E II GRADO

In collaborazione con l’Assessorato alla scuola e al tempo libero del Comune di Bolzano e l’Associazione Culturale Theatraki, lo Stabile offre agli studenti delle scuole primarie e secondarie una serie di seminari condotti da formatori e docenti qualificati con esperienza pluriennale nella didattica; un lavoro intenso e concentrato che, attraverso varie tecniche e tipologie, permettono ai partecipanti di sviluppare abilità espressive e affrontare diverse tematiche. Più di venti i docenti di questa fitta programmazione di approfondimenti: Anna Letizia Aguanno, Elena Beccaro, Bottega Buffa CircoVacanti, Margherita Braunhofer, Cooperativa Lyra, Lucas Da Tos, Samuel Ferro, Barbara Fingerle, Michele Fiocchi, Sabrina Fraternali, Paola Guerra, Paolo Grossi, Alexandra Hofer, Graziano Hueller, Diletta La Rosa, Viktoria Obermarzoner, Sandra Passarello, Doris Plankl, Thomas Rizzoli, Klaus Saccardo, Flora Sarrubbo, Chiara Visca.

GIOVANI IN SCENA & GIOVANI IN SCENA YOUNG

Realizzati con il contributo dell’Ufficio Politiche Giovanili della Ripartizione Cultura, i corsi Giovani in scena e Giovani in scena Young si rivolgono a ragazze e ragazzi di fasce di età differenti, proponendo incontri con i protagonisti della scena, la visione degli spettacoli in cartellone e laboratori per sperimentare le tecniche di base per l’uso della voce e del corpo. Quest’anno i corsi si rinnovano!

Dedicato a 20 ragazze/i tra i 15 e i 20 anni, Giovani in scena prevede un percorso per conoscere a 360° come nasce, si sviluppa e si porta in scena una produzione teatrale. Giovani in Scena si articola in moduli dedicati all’approfondimento laboratoriale degli aspetti salienti del mondo teatrale: la scenotecnica, la recitazione, i costumi, la drammaturgia e la regia. Ogni fase del lavoro, dalla scenografia alla recitazione, passando per i costumi e il disegno luci, sarà affrontato da operatori qualificati e professionisti del mondo dello spettacolo: Roberto Cavosi (drammaturgia), Flora Sarrubbo e Chiara Visca (recitazione), Tessa Battisti (scenografia), Elena Beccaro (costumi).

Oltre a confrontarsi con gli operatori che seguono il progetto, i partecipanti avranno la possibilità di incontrare grandi artisti ospiti del cartellone del Teatro Stabile di Bolzano e di assistere agli spettacoli della stagione 2019-2020. Ad impreziosire il percorso formativo di Giovani in scena sarà un laboratorio intensivo che Paolo Rossi, noto attore e guitto per eccellenza, terrà nel mese di dicembre.

Più snella la formula ideata per il corso Giovani in scena Young destinato a 20 partecipanti in età compresa tra i 10 e i 14 anni e della durata di tre mesi, per un totale di 8 incontri. Nell’ambito di Giovani in scena Young, i partecipanti apprenderanno le tecniche di base per l’uso espressivo della voce e del corpo, acquisendo una maggiore padronanza delle proprie capacità comunicative e relazionali nei confronti del gruppo, la consapevolezza del proprio corpo, dei movimenti, dello spazio. Giovani in scena Young verrà replicato anche dal 31 gennaio al 10 marzo 2020.

Le iscrizioni al corso Giovani in scena dovranno pervenire entro martedì 15 ottobre, mentre quelle al primo corso di Giovani in scena Young entro venerdì 25 ottobre, compilando l’apposito modulo sul sito del Teatro Stabile di Bolzano www.teatro-bolzano.it/formazione.

Foto, I genitori ideali.  

 

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *