Cronaca Ultime Notizie

7 ottobre: Giornata mondiale per la dignità del lavoro

6 Ottobre 2019

author:

7 ottobre: Giornata mondiale per la dignità del lavoro

Dichiarazione del vescovo Ivo Muser e della Commissione diocesana per i problemi sociali e del Lavoro.  

L’uomo lavora per vivere meglio e non viceversa: l’uomo non vive per lavorare. Il lavoro è molto più di un semplice impiego.
Dal 2008 le organizzazioni aderenti alla Confederazione sindacale internazionale celebrano il 7 ottobre la Giornata mondiale per la dignità del lavoro. La Chiesa sostiene questa iniziativa.
Coloro che possono riconoscere il valore e il significato del proprio lavoro e identificarsi con esso e che possono viverne bene, sono felici e contenti. Ma il lavoro non rende solo felici. Può anche far ammalare. Le condizioni politiche e le garanzie del diritto del lavoro devono assicurare la libertà, l’uguaglianza e la solidarietà nel mondo del lavoro. Ogni uomo ha diritto di vivere dignitosamente secondo la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Tuttavia, questo diritto è spesso calpestato: schiavitù moderna, sfruttamento attraverso varie forme di lavoro precario, lavoro minorile, discriminazioni contro le donne, ecc.

Non dobbiamo guardare solo all’Alto Adige. L’ossessione per la crescita, la dipendenza dal consumo e lo spreco di risorse portano ad un vicolo cieco ecologico. La disoccupazione diffusa, il lavoro precario e i salari iniqui sono causa di povertà e miseria. La giustizia è un prerequisito per la pace. E la pace è un prerequisito per il benessere.
Se per avidità di profitto i ricchi diventano sempre più ricchi e la povertà aumenta, e se le persone sono spesso viste solo come un fattore produttivo, consumatori o utenti, allora noi cristiani dobbiamo alzare la voce per protestare.

Ciò che ha scritto Papa Francesco nella sua enciclica sulla responsabilità verso il Creato e la difesa del clima vale per la politica sociale: “Gli atteggiamenti che ostacolano le vie di soluzione, anche fra i credenti, vanno dalla negazione del problema all’indifferenza, alla rassegnazione comoda, o alla fiducia cieca nelle soluzioni tecniche. Abbiamo bisogno di nuova solidarietà universale”. (Laudato si’ n. 14)

Mons. Ivo Muser, vescovo di Bolzano-Bressanone
Sepp Kusstatscher, Commissione per i problemi sociali e del lavoro
Karl Brunner, KVW
Kitty De Guelmi, ACLI

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *