Politica Ultime Notizie

Festa dell’Euregio a Egna, appello all’unità

22 Settembre 2019

author:

Festa dell’Euregio a Egna, appello all’unità

“L’Europa è la nostra strada”: con queste parole il presidente della Provincia Arno Kompatscher si è rivolto ieri ai cittadini provenienti da tutta l’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino in occasione dell’apertura  della festa dell’Euregio a Egna. Ogni due anni, il festival segna la solenne chiusura della presidenza di Euregio, ricoperta a rotazione da uno dei tre paesi.
Il presidente dell’Alto Adige Arno Kompatscher, attuale presidente dell’Euregio, ha fatto riferimento all’importanza dell’Euregio: “Non è un’idea astratta: è un grande progetto e una realtà concreta” I confini creati 100 anni fa non possono essere distrutti. “Ma possiamo superarli” ha detto Kompatscher. L’Europa di oggi, ha aggiunto, è un progetto di pace, sicurezza e prosperità. “Ci consente di vivere contemporaneamente la nostra diversità e di essere uniti” ha affermato il presidente di Euregio. Con l’appello: “L’Europa è la nostra strada”, si è rivolto a tutti i cittadini affinché la vivano concretamente e siano “ambasciatori dell’Euregio”.
Anche il capitano tirolese Günther Platter ha sottolineato il valore della tradizione, che deve condurre al futuro: “Cento anni dopo la divisione del nostro territorio, dobbiamo fare tutto il possibile far sentire di nuovo unite le persone. Ciò richiede anche progetti concreti e questo festival ne è un perfetto esempio”. Il presidente trentino Maurizio Fugatti ha parlato di “una storia comune che si riflette nel presente di oggi e conduce con uno spirito di unità nel futuro”. Le tre diverse realtà del Trentino, dell’Alto Adige e del Tirolo trovano la loro unità nell’Euregio: “Questo è il suo grande valore” ha detto Fugatti. Tutti e tre i presidenti hanno sottolineato quanto siano concreti i problemi e le preoccupazioni che le tre regioni hanno in comune: combattere il cambiamento climatico, ridurre il traffico di transito, prevenire catastrofi naturali sono solo alcuni esempi. Ma anche dare risposte alle famiglie e ai giovani, coordinare le attività di ricerca e sviluppo e molto altro. E per il futuro, hanno annunciato Komptascher e Platter, arriverà un abbonamento congiunto per il trasporto pubblico. Il sindaco di Egna, Horst Pichler, lo ha definito un “raro onore dare il benvenuto a tre presidenti contemporaneamente, insieme a molti visitatori provenienti da tutta l’Euregio”. Il sindaco fatto riferimento al ricco programma, a cui partecipano circa 20 associazioni, 50 spazi espositivi e molti artisti e musicisti. All’inizio della cerimonia una compagnia di Schützen ha anche consegnato personalmente ai tre presidenti una risoluzione con le proprie richieste.
Veronika e Klaus Mayr (47 e 54 anni) vivono a Egna. Solo grazie a questa festa, dice, Klaus è diventato consapevole della “grande importanza che l’Euregio ha per noi: possiamo solo trarre profitto dal punto di vista culturale ed economico, ed è bello che le persone di tutti e tre i paesi vedano quanto Egna sia un luogo bello e interessante”. Veronika spera che “l’idea europea si realizzi sempre più compiutamente. L’Euregio è un piccolo passo verso il superamento di tutti i piccoli pensieri nazionalistici”. L’atmosfera positiva e l’interessante mix di ottimi prodotti contadini e buona musica hanno fatto in questo contesto la propria parte.
Guido Nesler (70) e sua moglie Liana Sartori vengono da Trento. Entrambi erano già presenti ai precedenti festival Euregio a Pergine in Trentino e Hall in Tirolo, e per “convinzione”, come sottolinea Guido: “L’Euregio è un’opportunità per tutti, specialmente per i giovani!” Per lui è molto importante l’aspetto del multilinguismo. Si può imparare dalla storia: “Nei molti secoli sotto le diocesi di Trento, Bressanone e la Contea del Tirolo, tutte e tre le lingue erano parlate ovunque, anche a Trento – tedesco, italiano e ladino” Questo è oggi importante sul lavoro e nell’economia, così come nelle relazioni interpersonali”.
Barbara March (45 anni) è di Innsbruck e ha radici altoatesine. Spesso le piace tornare in Alto Adige. Alla festa dell’Euregio canta nella band “Sepp” al concerto principale della giornata: “Il nostro capobanda ha composto un pezzo appositamente per questo festival e ha cercato un coro femminile èper interpretarlo. Con noi, l’ensemble FrauenArt lo ha trovato”. March pensa che sia una buona idea sia privatamente che per la società se le regioni confinanti fanno più cose insieme, si tengono in contatto, si scambiano idee e imparano reciprocamente la lingua dell’altro”.
La prossima settimana l’ultimo atto ufficiale della presidenza altoatesina avrà luogo mercoledì 25 settembre, con la riunione della giunta dell’Euregio e l’incontro a Bolzano, prima di cedere al Tirolo il testimone dal 12 ottobre.
Tutte le informazioni sulla festa dell’Euregio si possono trovare sul sito dell’Euregio.

Foto/c-USP/Peter Daldos.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com