Politica Ultime Notizie

Monitoraggio strutturale del traffico sui passi dolomitici

7 Agosto 2019

author:

Monitoraggio strutturale del traffico sui passi dolomitici

Ieri la Giunta provinciale di Bolzano ha approvato lo schema di convenzione con la Provincia di Trento per la gestione del sistema di monitoraggio strutturale del traffico sui passi dolomitici. “Allo scopo di gestire nel migliore dei modi il flusso dei veicoli e per garantire l’equilibrio tra natura ed economia abbiamo deciso di unire le nostre forze con i quattro Comuni di Selva Gardena, Corvara, Canazei e Arabba, le Province di Trento e Belluno, e la Regione Veneto”, afferma l’assessore provinciale alla mobilità, Daniel Alfreider. Il rilevamento dettagliato del traffico veicolare rappresenta la base per poter raggiungere questo obiettivo.

Le Province di Bolzano e Trento si occuperanno, in maniera sistematica e continuativa, del monitoraggio del traffico lungo i passi Sella (2240 m.), Gardena (2127 m.), Campolongo (1875 m.) e Pordoi (2239 m.). Nel corso dell’estate 2019 verranno inoltre montate 24 telecamere fisse lungo le strade statali della Val Gardena (SS 242), della Val Badia (SS 244) e delle Dolomiti (SS 48) che portano ai passi. “Il rilevamento riguarderà le targhe di auto, moto, autobus ed altri veicoli – aggiunge Alfreider – ma verrà tutelata la privacy dei proprietari. Sino ad ora il rilevamento si era limitato al numero dei veicoli in transito lungo i passi, ora saremo in grado di determinare da dove provengono e dove sono diretti, tutti dati necessari per l’elaborazione di un apposito progetto riguardante i passi dolomitici“.

“Il progetto per il futuro dei passi inizia con una specifica gestione della mobilità – conclude l’assesssore – che vogliamo raggiungere assieme alle Province limitrofe. Nel contempo siamo in costante contatto con i responsabili a livello nazionale e dell’Unione Europea. Anche in futuro i passi dolomiti devono rimanere delle aree dedicate alla vita ed al relax delle persone ed in questo modo vogliamo che vi sia un approccio soft alle Dolomiti patrimonio UNESCO“. Allo scopo di coinvolgere sia la popolazione che gli ospiti in questo processo di sviluppo della mobilità il Dipartimento competente ha avviato di recente apposite rilevazioni sia al Passo Sella che al Passo Gardena.  

Foto, Roberto Failoni e Daniel Alfreider/c-USP/Ingo Dejaco.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com