Cultura & Società Ultime Notizie

Merano. Trauttmansdorff inaugura la mostra “Piante Killer”

11 Aprile 2019

author:

Merano. Trauttmansdorff inaugura la mostra “Piante Killer”

La nuova mostra temporanea dei Giardini di Castel Trauttmansdorff propone uno spaccato dell’ampia varietà di specie delle piante carnivore, illustrandone le diverse tipologie di trappole. Con una collezione di oltre 500 esemplari vivi, l’esposizione è annoverabile tra le più importanti d’Europa. 

Oggi, sotto la supervisione della direttrice Gabriele Pircher, i Giardini di Castel Trauttmansdorff hanno inaugurato la mostra temporanea “Piante Killer – Le carnivore verdi”. La nuova esposizione è interamente dedicata alle piante carnivore: grazie a un serie di video, immagini, mappe e applicazioni interattive distribuite su due piani, i visitatori hanno la possibilità di immergersi nel mondo di queste raffinate cacciatrici, imparando a conoscere 19 diversi generi di piante provenienti da ogni angolo del pianeta. A ciò si aggiungono gli oltre 500 esemplari vivi, riconducibili a 110 diverse varietà e specie, appartenenti a 14 generi diffusi in tutto il mondo; le molteplici aiuole e la serra tropicale consentono di ammirarne la ricchezza e gli habitat naturali, estremamente diversi tra loro.
Nel suo saluto, l’assessora al turismo e al verde pubblico di Merano, Gabriele Strohmer, ha ribadito la valenza internazionale dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, l’attrazione più amata dell’Alto Adige, nonché trampolino di lancio nella profilatura di Merano quale “città giardino”.
Dopo aver dato loro il benvenuto, la curatrice dei Giardini Karin Kompatscher ha accompagnato ospiti ed esponenti del mondo della politica, della cultura e della scienza attraverso la mostra, suscitando il loro entusiasmo per “la bellezza e la raffinatezza delle piante carnivore”. “L’esposizione ruota proprio intorno a questi due aspetti, elaborandoli in modo tale da risvegliare l’interesse di ogni fascia di età”, ha ricordato Karin Kompatscher, responsabile del concetto botanico e direttrice scientifica della mostra, che resterà aperta al pubblico sino al 15 novembre nella rimessa di Castel Trauttmansdorff.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *