Teatro Ultime Notizie

Alto Adige. Balletto, Upper East Side e Rain Dogs, un mondo architettonico in movimento

5 Aprile 2019

author:

Alto Adige. Balletto, Upper East Side e Rain Dogs, un mondo architettonico in movimento

La danza torna ad essere protagonista delle stagioni dello Stabile di Bolzano dall’8 all’11 aprile a Merano, Bressanone, Vipiteno e Brunico con uno spettacolo interpretato da Aterballetto e proposto in collaborazione con il Circuito Indanza. Capace di esplorare le più diverse espressioni del linguaggio coreografico contemporaneo, applaudito nei principali palcoscenici dei più importanti teatri e festival internazionali, la compagnia Aterballetto, fondata nel 1979, si è imposta nel corso degli anni come la prima realtà stabile di balletto al di fuori delle fondazioni liriche. Per lo Stabile, Aterballetto presenta una serata composta da due coreografie, Upper East Side e Rain Dogs in cartellone l’8 aprile al Puccini di Merano, il 9 al Forum di Bressanone, il 10 aprile al Teatro Comunale di Vipiteno e l’11 aprile all’Haus Michael Pacher di Brunico, sempre alle 20.30.
Upper East Side è firmata da Michele Di Stefano, insignito del Leone d’argento alla Biennale Danza nel 2014.. La ricerca coreografica in Upper East Side indaga temi sul pensiero geografico allo scopo di esplorare un mondo architettonico che è risultato essere il movimento. Una coreografia unica, arricchita dalle musiche originali di Lorenzo Bianchi Hoesch e dalle luci di Carlo Cerri.
Rain Dogs è fra le recenti creazioni dello svedese Johan Inger e porta in scena il desiderio di affrontare temi non nuovi attraverso atmosfere e sensazioni, in qualche modo, “altre”. L’immagine da cui prende forma Rain Dogs è quella di un cane, che addentratosi oltre i suoi soliti confini perde improvvisamente la strada del ritorno, poiché la pioggia ne ha cancellato le tracce. La solitudine e lo smarrimento si manifestano attraverso le più diverse sfumature, con ironia e drammaticità, con leggerezza e disperazione.
La voce roca del cantautore statunitense Tom Waits fa da colonna sonora alle evoluzioni di nove danzatori sottolineate dal disegno luci di Peter Lundin. La scelta di Tom Waits non è causale «c’è un carattere esotico nella sua musica» racconta lo stesso Inger «che richiama gli Stati Uniti di Charles Bukowski.
La prevendita dei biglietti si svolge sia presso le Casse del Teatro Comunale di Bolzano (aperte da martedì a venerdì dalle 11 alle 14 e dalle 17 alle 19 e sabato dalle 11 alle 14, sia on-line sul sito www.teatro-bolzano.it. La sera dello spettacolo a partire dalle 19.00 presso le casse del Puccini di Merano, del Forum di Bressanone, del Teatro Comunale di Vipiteno e dell’Haus Michael Pacher di Brunico.

Foto, Rain Dogs (Photo credits@Nadir Bonazza)

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *