Cultura & Società Cultura e società Ultime Notizie

Psicologia. Giochi perversi online

24 Marzo 2019

Psicologia. Giochi perversi online

Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vantano delle loro azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like” che possono anche rendere dal punto di vista economico. Proliferano poi i giochi perversi che si “inventano” in Internet  e che ruotano attorno al sesso e alle immagini morbose di una sessualità messa in pubblico senza riserbo e autorizzazione.
Il sexting è uno di questi. Un gioco tristemente famoso che i ragazzini, ma anche gli adulti, praticano scambiando materiale multimediale erotico intimo e privato. Un gioco estremamente pericoloso per l’uso che ne può fare chi riceve queste foto o video, dove il divertimento consiste nel vedere le reazioni a questo materiale provocante senza immaginare il danno che può arrecare. Soprattutto se a riceverlo è chi non lo desidera o un minore che non è pronto a vedere scene di sesso hard.
Diffuso tra gli adolescenti, che già a partire dagli 11-12 anni si divertono a farsi selfie  in pose intime o nudi per lasciarle poi girare senza preoccupazione, il sexting è pericoloso perché le foto dei minori possono servire ad alimentare il mercato pedopornografico.
I teenager non sanno del rischio perché nessuno glielo ha spiegato. Non conoscono il pericolo perché gli adulti tollerano questo gioco dicendo che in fondo e una “ragazzata” e non lo sanzionano né controllano quello che essi postano sui social più in voga, dove è in uso far girare tra gli “amici” materiale intimo e provocatorio, di grande interesse per i nuovi pedofili.
Ed è altrettanto perverso il Revenge porn, ovvero la “rivendicazione pornografica” che è azione gravemente offensiva praticata dagli adolescenti e dai giovani adulti quando una relazione tra due partner finisce. È la pratica violenta di uno che consiste nel far girare, per rabbia o vendetta, immagini intime della persona a cui in passato si era legati e di cui ora si vuole distruggere la reputazione.
Ed è ingannevole e mostruosamente crudele il Pull a pig game, il gioco dell’imbrogliare il maiale, dove per maiale si intende una ragazza piuttosto in carne e brutta che viene adescata con l’inganno di un corteggiamento falso e persecutorio. Uno scherzo di una cattiveria indicibile che umilia e devasta la vittima nel momento in cui questa scopre che il bullo l’ha presa in giro on line facendole credere altro e che, nell’incontro reale, invece tenta anche di esercitarle violenza sessuale.
Per proteggerli questi minori che non conoscono i rischi derivanti dall’uso imprudente della tecnologia, è necessario puntare su legami di fiducia tra adulti e adolescenti, in modo che questi ultimi sappiano chiedere aiuto quando ne hanno bisogno.
I bambini poi vanno educati precocemente ad un uso attento degli strumenti e scoraggiati con fermezza nella diffusione di immagini, video e informazioni personali. Poi quello che conta è l’esempio, soprattutto quello di evitare di postare continuamente immagini dei propri figli on line.
È necessario educarli alla sessualità fin da piccoli e coniugare questa con l’educazione alle emozioni e ai sentimenti, al rispetto di se stessi e degli altri.
Infine per contenere quel bisogno acuto di visibilità che hanno i teenager soprattutto quando si sentono in balia delle ansie e delle preoccupazioni per la crescita, vanno riconosciuti e pensati. Più non sono presenti nei pensieri degli adulti di riferimento e più si smarriscono.

 

In fot, Giuseppe Maiolo, psicoanalista, Università di Trento, www.officina-benessere.it

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *