Cronaca Trasporti Ultime Notizie

Passi dolomitici aperti, ambientalisti protestano

2 Marzo 2019

Autore:

Passi dolomitici aperti, ambientalisti protestano

Riduzione del traffico condizione per il mantenimento del titolo “Patrimonio mondiale”delle Dolomiti
L’assessore trentino alla mobilità Roberto Failoni in accordo con il collega sudtirolese Daniel Alfreider hanno ribadito che da quest’estate saranno soppresse le limitazioni al traffico sui passi dolomitici. Prevedibile la reazione allarmata dei protezionisti. “Questo è un grande passo indietro,- dicono Andrea Riedl e Klaus Kissinger del Dachvernd ricordando che la riduzione del traffico è uno dei requisiti richiesti dall’Unesco per mantenere il titolo di “patrimonio mondiale” assegnato alle dolomiti. “A dieci anni dall’istituzione del Patrimonio mondiale delle Dolomiti si dovrebbe intraprendere un percorso comune (si intende tra le due province) per affrontare il problema del traffico. Come possiamo giustificare questa indifferenza nei confronti dell’Unesco?” si domandano direttore e presidente dei protezionisti sudtirolesi e chiedono l’intervento della assessora provinciale Maria Magdalene Hochgruber Kuenzer che siede nel cda della Fondazione Unesco in rappresentanza di Bolzano
Il Trentino però ha già abbandonato la posizione dei divieti, salvo tuttavia l’intenzione espressa dall’assessore trentino Failoni di conciliare la salvaguardia ambientale con lo sviluppo economica. “Occorre pianificare una serie di misure di medio-lungo periodo– afferma .- relativamente al traffico veicolare che abbiano carattere strutturale e che siano condivise con le regioni coinvolte, ossia la provincia di Bolzano e il Veneto.
La giunta legista trentina è perfettamente d’accordo con l’impostazione di Failoni e ha autorizzato l’assessore a rivedere le limitazioni al traffico di veicoli su Passo Sella.

Foto. Nel cuore delle Dolomiti

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *