Politica Ultime Notizie

Decretone, Steger: “i primi dati dimostrano i limiti delle misure”

27 Marzo 2019

Autore:

Decretone, Steger: “i primi dati dimostrano i limiti delle misure”

“I primi dati sulle domande per Quota 100 e Reddito di Cittadinanza confermano i limiti delle due misure.” Così in aula Dieter Steger che ha preso la parola anche a nome dei colleghi SVP Julia Unterberger e Meinhard Durnwalder.
“Gli effetti di Quota 100 per il ricambio generazionale nel mondo del lavoro saranno limitati e diluiti nel tempo. Per il settore privato ci sarà un posto di lavoro ogni dieci pensionamenti perché a fare domanda sono dipendenti di aziende in difficoltà, anche per via della recessione economica. Nella pubblica amministrazione vanno banditi i concorsi e quindi passeranno anni, ma prima, nella sanità e nella scuola, ci saranno gravi problemi di carenza del personale. L’altro aspetto è che solo una domanda su quattro è femminile. Con Quota 100 non si è voluto affrontare il tema del lavoro di cura e accudimento familiare delle donne e in questo modo si è aumentata la disparità di genere.
Sul Reddito di Cittadinanza – ha continuato il senatore della SVP – noi siamo favorevoli a una misura di contrasto della povertà, simile a quella che hanno tanto paesi europei. Ma questa misura è costruita male, perché confonde tra povertà e ricerca di lavoro.
La verità è che ci voleva tempo. Per coinvolgere le parti sociali, per non sovrapporre povertà e lavoro, per riformare i centri per l’impiego, per bandire i concorsi pubblici per i navigator, per avere controlli e verifiche efficaci sui precettori del reddito.
Dovremmo votare contro, tuttavia diamo atto al Governo di aver accolto la clausola di salvaguardia che consentirà ai cittadini delle province autonome di poter optare tra il percorso nazionale e il reddito d’inclusione provinciale, che noi valutiamo molto più efficace e rispondente alle necessità dei cittadini che si trovano in condizioni di difficoltà o di fragilità sociale. Per questo esprimeremo voto d’astensione.”

Foto, Dieter Steger.  

 

 

 

 

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *