Cronaca Economia Ultime Notizie

Alto Adige. Macchinari, apparecchi, alimentari e bevande, i prodotti che hanno avuto il maggior export

12 Marzo 2019

Autore:

Alto Adige. Macchinari, apparecchi, alimentari e bevande, i prodotti che hanno avuto il maggior export

Nel 2018 le imprese altoatesine hanno esportato merci e prodotti del valore di 4,83 miliardi di euro. Si tratta di un nuovo record a cui hanno contribuito in particolare le aziende industriali: i tre settori che hanno fatto registrare l’export maggiore – macchinari e apparecchi, prodotti alimentari e bevande e mezzi di trasporto – appartengono tutti al comparto produttivo. “Nell’anno appena trascorso quasi il 90 per cento del nostro export è stato generato dalle imprese manifatturiere che continuano ad essere i migliori ambasciatori dell’Alto Adige nel mondo e che grazie al successo sui mercati internazionali sono in grado di garantire investimenti e posti di lavoro sul nostro territorio”, sottolinea il Presidente di Assoimprenditori Alto Adige, Federico Giudiceandrea. “Le imprese esportatrici sono quelle che pagano stipendi  più elevati e investono maggiormente in ricerca e innovazione: misure a sostegno della loro competitività globale promuovono lo sviluppo dell’intero territorio”. Secondo Giudiceandrea la leggera contrazione dell’export altoatesino fatta registrare nel secondo semestre dell’anno dipende da diversi fattori: “Misure che frenano il libero scambio come le politiche protezionistiche negli Stati Uniti o i continui blocchi ai mezzi di trasporto in Tirolo, ma anche l’incertezza politica sul mercato interno, sono fattori che rendono più difficile il commercio estero. Dovremo essere capaci di rafforzare ulteriormente l’Unione Europea realizzando al più presto infrastrutture di collegamento moderne ed efficienti, abbattendo barriere interne e tornando ad essere maggiormente uniti per porci come un partner commerciale che possa trattare alla pari con altre potenze economiche come USA, Cina o Russia, spiega il Presidente di Assoimprenditori.

Foto, Federico Giudiceandrea

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *