Cultura & Società Ultime Notizie

Alto Adige. La cantina dell’Abbazia ritrova il suo antico splendore

9 Febbraio 2019

Autore:

Alto Adige. La cantina dell’Abbazia ritrova il suo antico splendore

Autentica, tradizionale e accogliente: questi i primi aggettivi che la cantina dell’Abbazia di Novacella – appena ristrutturata e riaperta il 9 febbraio – evoca nei numerosi visitatori presenti nelle nuove sale di mescita, arredate con mobili di rovere massiccio che creano un ambiente schietto e familiare. Il merito principale è dell’architetto Reinhold Resch, autore del progetto.
Entrando nei nuovi locali dell’enoteca, si è subito avvolti da un’atmosfera calda e accogliente. Riprendendo lo stile della sala di mescita originale dell’Abbazia di Novacella, infatti, si è creata un’enoteca che sicuramente piacerà sia ai residenti, sia ai turisti. “La cantina di mescita – ha sottolineato l’abate Eduard Fischnaller – vuole trasmettere la filosofia della nostra Abbazia e dare risalto ai nostri valori”.
Nelle nuove sale della cantina un posto in primo piano è riservato ai prodotti dell’Abbazia, ossia il vino, la grappa di vinacce, l’infuso d’erbe di Novacella e il succo di mela. “Uno dei nostri obiettivi era di approfittare della ristrutturazione per dare più visibilità alla nostra produzione”, ha ricordato Fabian Schenk, responsabile amministrativo dell’Abbazia, ringraziando le imprese coinvolte dell’eccellente lavoro svolto. Anche le pietanze servite nella nuova cantina di mescita sono ispirate alla tradizione, e abbracciano una serie di specialità locali che sicuramente incontreranno i favori dei visitatori. I lavori di ristrutturazione, inoltre, hanno permesso di eliminare del tutto le barriere architettoniche per l’accesso alla cantina. Dopo la cerimonia d’inaugurazione, l’abate Eduard Fischnaller ha benedetto i locali, assegnandoli così alla loro destinazione ufficiale.
La mescita è aperta da lunedì a sabato, dalle 10 alle 19, mentre rimane chiusa la domenica e nelle festività religiose.
La cantina vinicola di Novacella è una delle più antiche cantine attive del mondo, e nella nuova mescita ristrutturata, ricavata nell’antico mulino del convento, si possono degustare e bere tutti i vini esposti. Per gruppi di almeno 10 persone è anche proposta una degustazione guidata, della durata di circa un’ora, che in questo caso prevede l’assaggio di quattro vini diversi, due bianchi e due rossi. Chi lo desidera, può combinare la degustazione con una visita guidata della cantina di produzione e della tenuta.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *