Cultura & Società Ultime Notizie

A Brentonico e a Cles arriva «IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI»

26 Febbraio 2019

author:

A Brentonico e a Cles arriva «IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI»

Proseguono gli appuntamenti con il Circuito Regionale della danza organizzato dal Centro Servizi Culturali S. Chiara. Protagonista, questa volta, la Compagnia Zappalà Danza con «IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI», spettacolo che farà tappa prima al Teatro Monte Baldo di Brentonico (giovedì 28 febbraio, ore 14.30), per spostarsi successivamente al Cinema Teatro di Cles (venerdì 1 marzo alle ore 10.30). «Il carnevale degli animali» è un progetto nato da Ilenia Romano e Ivano La Rosa, interpreti sul palco e ideatori dello spettacolo: la prima ne ha curato anche la regia e la coreografia, mentre il secondo è l’autore della drammaturgia. Una produzione Ilenia Romano e Scenario Pubblico/CZD Centro di Produzione della Danza, in collaborazione con Collettivo SICILYMADE.
«Il Carnevale degli Animali» nasce come progetto rivolto a bambini dai 4 ai 100 anni (e oltre) che si pone come obiettivo quello di avvicinarli al mondo della danza contemporanea, del teatro e della musica classica. Attraverso la semplicità del linguaggio di una favola, appositamente creata per fare da trait d’union ai brani di Charles Camille Saint-Saëns, vengono esplorati i vizi e le virtù degli uomini mediante morali e “antimorali”. I caratteri e le contraddizioni della natura umana, sintetizzati in precise figure sociali, sono associati metaforicamente alle varie tipologie animali che hanno ispirato i brani della suite musicale. La ricerca coreografica si fonda sull’aderenza timbrico-ritmica tra il movimento e le caratteristiche della musica e dei personaggi con le loro storie. Mirando non alla mimesi, bensì a profonde analogie, il linguaggio del corpo cerca di evocare immagini e suggestioni di cui le note musicali e il racconto sono impregnati. Immerso in atmosfere ora dense e ora sospese, rimbalzando tra le molteplici sfumature cromatiche dei sentimenti umani, lo spettatore sarà portato a fare un percorso emozionale-riflessivo in una dimensione reale al limite con l’immaginario.

Foto/c-Serena Nicoletti.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *