Cronaca Nera Ultime Notizie

Procura dispone inchiesta dopo morte bimba

5 Gennaio 2019

author:

Procura dispone inchiesta dopo morte bimba

La madre è in gravi condizioni all’ospedale di Bolzano. Padre e fratello le aspettavano.
È scesa dal Corno del Renon lungo la ripidissima pista da sci con la slitta assieme alla figlia di 8 anni Emily Formisano. Renata Dyakowska la madre della piccola, si trova ancora in gravissime condizioni all’ospedale di Bolzano. Nei pressi dell’incidente si trovavano anche il marito della donna assieme al loro figlio di 15 anni. Stavano spettando circa 300 metri più a valle presso la stazione intermedia della funivia l’arrivo di madre e figlia in slitta, che perè non è arrivata. La famiglia, di Reggio Emilia, si trovava in Alto Adige in vacanza da alcuni giorni. La tragedia è avvenuta sulla pista nera, contrassegnata con il nr.6 riservata agli sciatori, non alle slitte. La pista scende dalla cima del Lago Nero, sul Corno del Renon, verso Pemmern, in zona Collalbo. La famiglia era salita con la cabinovia fino alla stazione intermedia dove erano scesi. Lì padre e figlio si erano fermati, mentre la mamma Renata Dyakowska insieme alla bimba aveva voluto proseguire nel secondo tratto, fino alla cima del Lago Nero. Per raggiungere la pista dedicata agli slittini hanno imboccato la pista da sci che però, essendo una pista ‘nera’, è molto ripida. Mamma e figlia sul loro slittino  hanno preso velocità, andandosi a schiantare contro un albero. Con quale intendimento abbiamo preso la pista da sci ancora non si sa. Forse la signora Renata pensava che quella pista fosse l’avvio per poi imboccare quella per gli slittini, o che fosse l’inizio della strada forestale. Errore fatale, dovuto al fatto che la donna non conosceva bene la zona, con l’esito drammatico  della morte della figlia e del suo ricovero in ospedale dove ora si trova in lotta per la vita. Nel frattempo la Procura di Bolzano ha aperto un’inchiesta. Al vaglio vi sarebbero i cartelli e le indicazioni per chi pratica questi sport sulla neve.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *