Politica Ultime Notizie

Bolzano. Lega, oggi tutti a Roma, vertice con Salvini

10 Gennaio 2019

Bolzano. Lega, oggi tutti a Roma, vertice con Salvini

Oggi Matteo  Salvini deciderà chi entrerà in giunta.  I favoriti sono Bessone e Vettorato. Si aspetta di sapere chi dei due otterrà la vicepresidenza e quali deleghe.
Il programma per la nuova coalizione Svp Lega è steso ed è stato presentato ieri in consiglio provinciale.  La settimana prossima  il consiglio voterà il presidente della giunta che proporrà la squadra di giunta la cui approvazione dovrebbe avvenire dopo il 20 gennaio.
Intanto oggi i quattro eletti della Lega- recatisi insieme ieri sera in macchina  – si incontrano a Roma con Matteo Salvini per decidere chi entrerà in giunta.
Tanto al Svp che la Lega rivendicano meriti di aver concordato un programma di coalizione ricco di contenuti e di essere riusciti a superare al meglio gli scettici di ambo le parti. “Abbiamo lavorato molto per gettare le basi di questa nuova coalizione, – ha detto l’Obmann della Svp Philipp Achammer – nessuno ha ceduto ma ci siamo incontrati su molte cose”.
Con evidente soddisfazione Massimo Bessone ha sottolineato un altro aspetto che molto sta a cuore della coalizione.”Il programma che abbiamo concordato accresce l’Autonomia di nuove competenze, quali ambiente, scuola,  agenzie fiscali, Inps e Inail”. Sulla scuola viene accantonato ogni spiraglio di scuola plurilingue, mentre si sposta l’accento sulla didattica, così da far in modo che le lingue si imparino attraverso un insegnamento più efficace. Sulle prestazioni sociali sia Bessone che Achammer sottolineano il principio che “la priorità nelle prestazione spetta agli altoatesini, italiani, tedeschi e ladini”, mentre gli stranieri sono “il quarto gruppo etnico che intende integrarsi.”
Rispondendo alle opposizioni, il capogruppo della Lega  Carlo Vettori assicura che “Bolzano è stata tenuta in grande considerazione. Le grandi opere, bloccate dal Pd nella città capoluogo per 25 anni, ora finalmente saranno portate avanti”.
Kompatscher, che conclude, osserva che molte sono le novità pur nella continuità presenti nel programma, come la riforma della sanità che ora richiede l’impegno di essere portata a termine.

In foto, Arno Kompatscher e Philipp Achammer

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *