Cultura & Società Ultime Notizie

Al Tinello di Bolzano il “pranzo del sorriso”

13 Gennaio 2019

author:

Al Tinello di Bolzano il “pranzo del sorriso”

Luca e Silvana hanno la Sindrome di Down e vogliono sposarsi: una storia apparentemente semplice che merita di essere raccontata. Lo sta facendo il regista Stefano Lisci con Cooperativa 19 e tutti possono contribuire a raccontare questa storia: continua la raccolta fondi lanciata attraverso il crowdfunding ma oggi, 13 gennaio, si è svolto al Tinello un pranzo davvero unico!

La vicenda di Luca e Silvana ormai è nota ai più, la storia è apparentemente semplice, due persone che vogliono sposarsi e passare la vita assieme: ma non è per tutti così “facile” come sembra, soprattutto se si è una coppia con la Sindrome di Down. Ora, dopo diverse peripezie e difficoltà, mesi di ricerche e di studi, di contatti con associazioni e con istituzioni, sono riusciti a coronare il loro sogno e il documentario è in lavorazione e vuole far conoscere a tutti questa storia. Il progetto del documentario però ha bisogno di risorse per essere portato a termine, per questo motivo è stata lanciata una raccolta fondi online sul sito eppela.com, grazie alla quale tutti possono contribuire alla realizzazione del film ricevendo anche delle “ricompense” davvero speciali. E non è tutto, oggi alle 12:00 nelle sale del ristorante “Il tinello” di Bolzano di è svolto il “pranzo del sorriso”. Un’iniziativa unica organizzata in collaborazione con l’associazione il Sorriso, il ristorante il Tinello ma anche con il sostegno di molte realta del territorio (Ortobolzano, Cantina Brugnara, New Drink, Stampfl macelleria, panificio Grandi, Maxi c+c e gelateria Eccetera), il cui ricavato sarà devoluto al finanziamento del documentario “Luca+Silvana”. Non sono state le prelibatezze servite a renderlo speciale, bensì chi le ha cucinate e servite ai tavoli. Ragazzi e ragazze con la sindrome di Down sono stati infatti – assieme a Luca e Silvana, alla mamma Claudia e allo staff del documentario- i protagonisti di un convivio gioioso: si sono cimentati dietro ai fornelli affiancando cuochi professionisti e hanno servito ai tavoli sotto la guida esperta del capo sala e dei camerieri. Grande l’emozione per i quasi 80 commensali al pranzo ma soprattutto per i ragazzi che si sono cimentati in queste nuove professioni, che per qualcuno sono anche sogno di un lavoro futuro! Fra i camerieri anche due coppie con la Sindrome di Down che hanno parlato a lungo con Luca e Silvana della loro esperienza di matrimonio, uscendone incoraggiati e pronti ad intraprendere – forse anche loro – questa possibilità. Il proprietario del Tinello Christian e il suo staff, che hanno lavorato volontariamente durante tutto il pranzo, hanno concluso: “E’ piu quello che abbiamo ricevuto! Queste esperienze ti aprono il cuore!”
La campagna di raccolta fondi per la realizzazione del film è attiva dal 12 dicembre fino al 19 gennaio 2019 e si puo donare al link: www.eppela.com/luca+silvana. Questo tipo di raccolta fondi permette alle persone di essere parte attiva del progetto e prevede una ricompensa dedicata per ogni importo donato: dai semplici ringraziamenti, ai gadgets del film fino a ricompense davvero uniche per i sostenitori più generosi come la partecipazione al taglio della torta o le bomboniere del matrimonio o addirittura delle vere e proprie opere d’arte messe a disposizione dall’artista Federico Seppi e dalla Galleria Boccanera di Trento.
Realizzare un film non è facile come guardarlo. Per farlo servono fondi per pagare la troupe, il noleggio delle attrezzature, il montaggio e la post-produzione, ma ci vogliono anche competenze, tempo e determinazione. Insomma, si tratta di una vera e propria impresa. “Siamo certi che grazie al sostegno di tutti riusciremo a portare a termine il progetto e a far conoscere la storia di Luca e Silvana, convinti che il messaggio e il valore che porta con sé siano unici e per questo debbano essere raccontati”, sostiene Massimiliano Gianotti, produttore e Presidente di Cooperativa19.
Ad oggi il progetto può contare sul supporto di IDM Film Commission, Lebenshilfe Onlus, Centro Audiovisivi Bolzano, Ufficio Politiche Sociali della Provincia Autonoma di Bolzano, Ufficio Famiglia, Donna, Gioventù e Promozione sociale del Comune di Bolzano.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *