Cronaca Ultime Notizie

Il Questore dispone la chiusura del Bar “Miami” di Bolzano

13 Dicembre 2018

author:

Il Questore dispone la chiusura del Bar “Miami” di Bolzano

Il Questore di Bolzano, Enzo Giuseppe Mangini, ha disposto la chiusura per trenta giorni del Bar “MIAMI” di via Perathoner 25, in seguito ai numerosi episodi verificatisi all’interno e all’esterno del locale, che lo fanno ritenere pericoloso per l’ordine pubblico e per la sicurezza dei cittadini.
Come comunicato dalla Questura, già il 27 settembre dello scorso anno, il Questore aveva diffidato il gestore del locale dal consentire la commissione di reati ed ogni altro atteggiamento che potesse determinare pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica e gli aveva intimato di adottare ogni utile iniziativa al fine di evitare disturbi cagionati direttamente od indirettamente dal locale e dai suoi avventori e, considerato che la situazione non era migliorata, nel mese di marzo di quest’anno, aveva disposto la chiusura del Bar per 15 giorni.
Dopo un breve periodo di relativa tranquillità gli episodi pericolosi si sono ripresentati ed anzi, pochi giorni fa, si è verificata una violenta rissa nelle vicinanze del locale che ha visto protagonista un soggetto già arrestato all’interno del Bar Miami lo scorso mese di marzo per detenzione di un’ingente quantità di stupefacenti di diverso tipo: marijuana, cocaina ed anche eroina, già confezionati in dosi per lo spaccio.
Considerato che in occasione del recente episodio di violenza sono dovuti intervenire diversi equipaggi delle forze dell’ordine per riportare la calma e che ogni intervento o operazione di controllo comporta rischi elevati e cospicuo impiego di personale a causa della presenza costante e concentrata di soggetti pericolosi ed alterati dallo smodato consumo di alcolici, il Questore ha ritenuto di dover chiudere il Bar Miami per 30 giorni, per evitare che si possano ripetere situazioni analoghe a quelle riscontrate ed affinché la situazione, anche se già costantemente monitorata dalle forze dell’ordine, non finisca per degenerare ulteriormente.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *