Cultura & Società Ultime Notizie

Domenica 9 dicembre ANPI ricorda 70° Rudolf Posch

8 Dicembre 2018

author:

Domenica 9 dicembre ANPI ricorda 70° Rudolf Posch

il 9 dicembre 2018 alle ore 10.30 una delegazione ANPI deporrà dei fiori sulla tomba di Rudolf Posch per ricordare il 70° anniversario della sua morte. Sacerdote, giornalista, Posch fu un esponente importante dell’opposizione cattolica sudtirolese al nazifascismo e nel 1943 fu deportato nel Lager di Dachau insieme ad altri esponenti dei “Dableiber”. Le radici dei valori fondamentali di pace, libertà e giustizia su cui si sono fondati e si fondano la Costituzione, il processo di cosruzione dell’autonomia e la convivenza sono anche nel coraggio con cui persone come Posch, seppero resistere e dire di no alle dittature. A 70 anni dalla promulgazione della Costituzione e della Carta Universale dei Diritti Umani, riaffermarli assume un grande valore attuale proprio nel momento in cui si ripropongono i pericoli di nuovi nazionalismi, razzismi e fascismi e una parte rilevante della politica e della società sembra abbandonare la via del dialogo e della solidarietà.

Rudolf Posch, sacerdote e giornalista, nato a Trento il 13. 9. 1887 e deceduto a Bolzano il 9 dicembre 1948. Figlio di un funzionario del fisco; studiò Teologia a Trento dove nel 1911 ricevette l’ordinazione sacerdotale. Nel 1924 divenne direttore del “Landmannes”, che apparve dal 1926 sotto il titolo “Dolomiten” tre volte alla settimana, e il settimanale “Volksboten”. Nel 1935 divenne Direttore dei due giornali. Nel 1943-45 fu imprigionato nel campo di concentramento di Dachau per la sua opposizione al nazismo. Dopo la liberazione lavorò ancora come redattore del “Dolomiten” e acquisì un grande merito per il rilancio e lo sviluppo del giornale.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *