Giustizia Ultime Notizie

Bolzano.Tre militanti di Casapound a processo per aver pestato tre giovani che cantavano “Bella ciao”

12 Dicembre 2018

author:

Bolzano.Tre militanti di Casapound a processo per aver pestato tre giovani che cantavano “Bella ciao”

Processo al via domai. Gli episodi, del tutto analoghi sono due, svoltisi a distanza di sei mesi. Cantavano “Bella ciao”, la celebre canzone partigiana, passando davanti alla sede del partito di destra Casapound in via Cesare Battisti. Immediata la prevista reazione del militante di Casapound Davide Brancaglion che avrebbe picchiato un diciassettenne “colpevole” di aver fatto suonare con il telefonino e ad alto volume, ancora davanti alla sede del suo partito. Per quella vicenda, avvenuta il 13 gennaio 2016, Brancaglion dovrà rispondere in tribunale con l’accusa di lesioni gravi e minacce.
Sei mesi più tardi, il 16 luglio, replica della stessa scena. Tre giovani si erano messi a cantare “Bella ciao, oh partigiano portami via…” camminando davanti alla sede di Casapound. Dalla sede uscirono due militanti, Mirko Gasperi e Davide Brancaglion che iniziarono ad insultare i cantanti improvvisati mentre si allontanavano. Quindi saliti sull’automobile messa a disposizione dalla loro amica Lucia Cristofolini, raggiunsero i ragazzi nella contigua via Mendola. Qui Gasperi e Brancaglion colpirono i tre ragazzi con pugni e calci causando loro ferite di varia entità, con lesioni al volto e trauma facciale, e prognosi rispettivamente di 20 giorni e 14. Il terzo ragazzo subì una contusione alla cavità dell’occhio destro con emorragia guaribile in 10 giorni.
Domani la prima udienza per i fatti del 16 luglio. Sta invece per concludersi il processo che vede imputato Brancaglion per la vicenda del 13 gennaio, quella della soneria del telefonino, quando Brancaglion avrebbe picchiato il 17 enne. La sentenza era attesa per lunedì prossimo, ma a causa dello sciopero degli avvocati proclamato nel frattempo, l’udienza sarà rinviata.

Foto, Tribunale di Bolzano

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *