Politica Ultime Notizie

Bolzano. Lite Bianchi Caramaschi, scontro frontale senza esclusione di colpi

18 Dicembre 2018

author:

Bolzano. Lite Bianchi Caramaschi, scontro frontale senza esclusione di colpi

“Caramaschi sta veramente superando il limite, e se vuole la guerra allora cominciamo anche noi a farla. Rompe le scatole perché Bolzano è inquinata, però poi fa arrivare 860 autobus e migliaia di macchine per il mercatino”, attacca in Facebook il sindaco di Laives Christian Bianchi, snocciolando una serie di critiche sulla questione traffico e inquinamento. Caramaschi, alle richieste di delucidazioni dei giornalisti, abbassa i toni e ribadisce che la ricetta passa per il trasporto pubblico e il blocco ai diesel euro 3. “Vero che ogni Comune pensi a casa sua, ma è altrettanto vero che su certe questioni è doveroso raccordarsi”.

Bianchi ritiene però questa posizione un’invasione di campo e continua rivolgendosi a Caramaschi. “Dice che non ci sono soluzioni al traffico, ma poi abbandona il progetto di realizzare il terzo lotto delle gallerie, che permette di bypassare Bolzano da sud a nord, chiedendo alla Provincia di avventurarsi in un assurdo progetto di spostamento della A22, che si realizzerà tra 20 anni, lasciando tutta Bolzano bloccata per i prossimi 20 anni.
Fino ad oggi sono stato molto rispettoso, ma se i presupposti sono questi allora basta, inizio a fare come lui, e dirò da adesso in poi tutto quello che penso. I bolzanini ma anche i pendolari ne hanno le tasche piene, e pure io”.

Caramaschi sposta la questione sul piano provinciale ricordando la nota della Agenzia provinciale dell’ambiente che invita a prendere provvedimenti per ridurre del 10% le concentrazioni di biossido di azoto che soffocano le città. Facendo presente ancora che Bolzano ha previsto il blocco ai diesel euro 3 dal prossimo anno con limitazioni anche agli euro 4 e 5 entro il 2023 in assenza di miglioramenti dell’aria. Sullo spostamento dell’A22, ricorda infine Caramaschi a Bianchi, la decisione è passata tanto in giunta comunale che in quella provinciale.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *