Cultura & Società Ultime Notizie

I pasticceri altoatesini sfruttano il fondo per la formazione For.Te

28 Novembre 2018

author:

I pasticceri altoatesini sfruttano il fondo per la formazione For.Te

L’Unione: “Uno strumento sempre più utilizzato dalle aziende dell’Alto Adige”.

Le torte, al giorno d’oggi, devono essere creative, individuali e spettacolari. Proveniente dagli Stati Uniti, il trend del cake design si sta affermando sempre di più anche in Europa, che si tratti della principessa Elsa o dei supereroi di casa Marvel. “I clienti altoatesini chiedono sempre più spesso torte personalizzate secondo un preciso tema. Una richiesta che i pasticceri dell’Alto Adige sono intenzionati ad accontentare”, assicurano il presidente dei pasticceri nell’Unione Paul Wojnar e i suoi vicepresidenti Hannes Dollinger e Heinrich Unterhofer:
Di recente i pasticceri nell’Unione hanno avuto per la prima volta l’opportunità di organizzare con successo un evento formativo per mezzo del fondo professionale For.Te. “I partecipanti al workshop sono rimasti entusiasti. La pasta di zucchero è stata modellata per produrre perfette figurine ricche di vita e brio”, affermano i pasticceri.
Nicola Keysselitz, esperta nota a livello internazionale e giudice in numerosi concorsi professionali, ha impartito utili suggerimenti e trucchi per modellare con la pasta di zucchero. “Il risultato è stato impressionante, e le conoscenze acquisite saranno ora applicate nelle locali pasticcerie”, spiega il presidente Wojnar.
Tramite il suo For.Te Point, l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige sostiene le aziende nella progettazione, gestione e formazione dei collaboratori. Insieme alle aziende è possibile sviluppare speciali offerte formative. Il fondo formativo intersettoriale per il settore terziario For.Te si fa carico di tutti i costi per la formazione.
“Negli scorsi due anni sono state oltre 60 le aziende altoatesine e più di 1.000 i collaboratori ad avere sfruttato questo servizio”, riassume soddisfatto il presidente dell’Unione Philipp Moser. Tra i progetti presentati ci sono stati eventi aziendali o settoriali, come workshop, corsi di vendita, di team building, di lingue o social media.
Il fondo si finanzia tramite il pagamento della quota obbligatoria per il sussidio alla disoccupazione. Ogni mese le aziende altoatesine versano all’Inps lo 0,30 percento dei contributi sulla retribuzione dei propri collaboratori. L’offerta formativa è indirizzata ai dipendenti per i quali il datore di lavoro paghi il contributo, ma è rivolta anche agli apprendisti. Le aziende devono solo iscriversi al fondo. L’accesso è gratuito. Ulteriori informazioni su www.unione-bz.it/forte.

Foto, i partecipanti al workshop dei pasticceri nell’Unione.

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *