Cultura & Società Ultime Notizie

Firmato a Bressanone accordo sulla mobilità sostenibile

3 Ottobre 2018

author:

Firmato a Bressanone accordo sulla mobilità sostenibile

In giornata, presso la sede di Brimi-Centro Latte di Bressanone, si è tenuto l’undicesimo incontro dei vertici della Camera dell’Economia del Tirolo e delle due Camere di Commercio di Bolzano e di Trento che come di consueto si sono riuniti per approfondire tematiche rilevanti per il futuro dell’Euregio.
In occasione dell’incontro odierno i Presidenti e i Segretari generali delle tre Camere si sono confrontati su diversi temi di attualità, focalizzando l’attenzione sul problema del traffico in aumento. Nel corso del confronto si è quindi discusso dell’orientamento strategico finalizzato a sviluppare una mobilità sostenibile nelle aree di Tirolo-Alto Adige-Trentino da sottoporre ai rispettivi Governi di territorio.
I presidenti Jürgen Bodenseer (Camera dell’economia del Tirolo), Giovanni Bort (Camera di commercio di Trento) e Michl Ebner (Camera di commercio di Bolzano) concordano sull’importanza di sostenere interventi a medio e lungo termine. “Poter contare su una rete di infrastrutture viarie efficienti – hanno spiegato – è fondamentale per favorire lo sviluppo economico dell’intera regione. Ecco perché riteniamo importante attivarci perché si creino le condizioni favorevoli a un traffico che sia in linea con le esigenze economiche e ambientali e perché venga ultimata la Galleria di Base del Brennero e le sue tratte di accesso per creare un collegamento europeo nord-sud di strategica importanza”.
Il pesante congestionamento delle strade nell’area dell’Euregio ha suggerito ai rappresentanti degli Enti camerali di presentare una risoluzione condivisa fondata sull’assunto che le misure di gestione destinate a limitare il traffico merci internazionale su strada non sono efficaci. I tre rappresentanti delle Camere dell’Euregio sono convinti che per poter sfruttare appieno le potenzialità su rotaia occorrano offerte competitive da parte delle aziende ferroviarie statali e private.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *