Cultura & Società Politica Ultime Notizie

Bolzano. Tommasini scrive al ministro Bonisoli di darci una mano per la realizzazione del Polo bibliotecario

11 Ottobre 2018

Bolzano. Tommasini scrive al ministro Bonisoli di darci una mano per la realizzazione del Polo bibliotecario

Chissà che al polo bibliotecario di Bolzano non si interessi Alberto Bonisoli, il ministro per i Beni Culturali che a breve dovrebbe venire a Bolzano. A questa eventualità ha pensato Christian Tommasini che gli ha scritto una lettera per informarlo dell’importanza per Bolzano della realizzazione di questa istituzione culturale alla quale si lavora da anni ma che purtroppo ultimamente sta incontrando intoppi che ostacolano l’iter operativo.
Nella sua lettera Tommasini scrive che Il progetto trae origine dal fatto che le tre le biblioteche pubbliche di Bolzano, la Biblioteca Civica comunale, quella provinciale di lingua italiana e quella provinciale di lingua tedesca, hanno da tempo problemi strutturali e non sono più adeguate alle esigenze della città.
In particolare la biblioteca Civica di Bolzano è in affitto in spazi insufficienti dai quali ha peraltro ricevuto lo sfratto, la biblioteca provinciale tedesca Tessmann ha necessità della sopraelevazione di un piano per mancanza di spazi, e la biblioteca provinciale Claudia Augusta presenta analoghe problematiche. Alla fine degli anni 2000 si discusse molto sulla questione e si decise di intervenire, anziché sulle tre strutture separatamente, facendo un unico grande progetto che unisse le tre biblioteche. Una buon occasione – scrive Tommasini – di collaborazione dei tre gruppi linguistici della nostra Provincia.
Il progetto di unire le tre strutture in un’unica biblioteca ebbe seguito con il concorso internazionale bandito dall’amministrazione provinciale nel 2006. Fu poi sottoscritta nel 2013 tra Comune di Bolzano e Provincia Autonoma di Bolzano un’apposita convenzione che prevede la messa a disposizione dell’immobile di proprietà comunale, l’ex istituto scolastico Pascoli, alla Provincia Autonoma di Bolzano per la realizzazione di quest’opera. L’appalto della realizzazione del Polo Bibliotecario è stato aggiudicato nel settembre 2017 all’impresa Società Italiana per Condotte D’Acqua S.p.A. L’iter si è però bloccato in conseguenza di problemi fallimentari cui è incorsa la Società Condotte. La lettera dettaglia al Ministro gli aspetti giuridici comunicando che i solleciti della Provincia di Bolzano ai commissari nominati dal MISE ad una presa di posizione in merito alla commessa, ad oggi non hanno ancora avuto alcun riscontro.
La missiva del vicepresidente della Provincia al Ministro conclude sottolineando la grande importanza culturale del progetto per la nostra Terra, una sorta di “piazza della cultura” di cui i cittadini sentono l’esigenza. La lettera precisa che nel caso questo progetto non dovesse essere portato avanti dai futuri amministratori, resta comunque l’obbligo di pagare le spese finora sostenute, e due urgenze operative. Quella di trovare una nuova sede per la Biblioteca Civica sotto sfratto e al contempo la messa in opera degli interventi di adeguamento della Biblioteca provinciale Tessmann.Viene quindi chiesto al ministro Alberto Bonisoli il sostegno per questo grande progetto culturale e un aiuto fattivo volto a sbloccare la situazione di stallo a Roma.

Foto, Christin Tommasini, vicepresidente della Provincia di Bolzano

Giornalista, scrittrice, editore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *