Politica Ultime Notizie

Bolzano, Vienna-Roma, doppio passaporto solo ai sudtirolesi tedeschi e ladini

8 Settembre 2018

author:

Bolzano, Vienna-Roma, doppio passaporto solo ai sudtirolesi tedeschi e ladini

Un tema che da tempo piace molto alla destra di lingua tedesca del Tirolo storico diventa attuale nella campagna elettorale per le prossime Provinciali a Bolzano.  L’ingresso dei Freiheitlichen nel governo di Vienna – guidato dall’Övp Sebastian Kurz – aveva inserito l’argomento del doppio passaporto nel patto di colazione. Ieri il giornale di Innsbruck “Tiroler Tageszeitung” ha pubblicato alcune indiscrezioni su quella che sarà “la bozza” del doppio passaporto. Non è uscito un “disegno di legge” dalla commissione degli esperti riunitosi a Vienna, ma solo un parere che sarà il punto di partenza per l’iter in Parlamento. Sembra definito uno dei punti più critici, cioè l’esclusione degli altoatesini di lingua italiana. “Che in una realtà come l’Ue si stia a discutere tra Paesi vicini di doppia cittadinanza da conferire a cittadini di un altro Paese è veramente un fatto curioso” è il gelido commento del ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi. Aggiunge inoltre dai contatti avuti con il Governo austriaco e con l’ambasciata di Vienna che il tema della doppia cittadinanza pare essere l’ultima della questioni da discutere.
Secondo le anticipazioni, i cittadini di lingua tedesca e ladina potranno votare per il Parlamento austriaco e per le elezioni europee. Solo se il neocittadino ha la residenza in Austria, potrà fare il servizio militare. Quattro sono le leggi che Vienna  dovrà modificare per rendere accessibile il pacchetto, il cui costo dovrebbe aggirarsi intorno ai 6.600 Euro.
Il processo sarà piuttosto lungo, rassicura il portavoce del governo austriaco Peter Launky Tieffenthal che tiene a precisare che per il momento non “esiste nessun disegno di legge”
La commissione è composta da tecnici del ministero degli Interni e degli Esteri che elaboreranno semplicemente un parere.
Anche il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kmpatscher cerca di gettare acqua sul fuoco.”Il parere della commissione non è un disegno di legge, – ha detto -ma soltanto una base di discussione. Il cancelliere Kurz ha sempre ribadito di voler agire in stretto e permanente contatto con Roma e Bolzano.

Foto, Il primo ministro austriaco Sebastian Kurz con  Achammer  (Svp)

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *