Politica Ultime Notizie

Bolzano. Verso la riqualificazione di piazza Matteotti

24 Settembre 2018

author:

Bolzano. Verso la riqualificazione di piazza Matteotti

Il sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi nella sua consueta conferenza stampa settimanale ha incontrato i giornalisti per illustrare quanto stabilito dalla Giunta comunale. In primis Caramaschi ha evidenziato la riqualificazione di piazza Matteotti. Dalla primavera scorsa si sono svolte mensilmente delle riunioni di coordinamento con tutti i soggetti coinvolti (progettisti, uffici comunali, quartiere Europa-Novacella, IPES) per arrivare ad una definizione precisa del progetto preliminare, partendo dal progetto vincitore del concorso (CeZ Calderan Zanovello Architetti ee M&N Pian Consulting), passando al vaglio i vincoli normativi, patrimoniali, urbanistici e tecnici esistenti sulla piazza e sulle infrastrutture stradali.
I progettisti hanno provveduto a consegnare il progetto preliminare entro il termine stabilito di metà settembre delineando la stima dei costi per l’esecuzione dei lavori. Stamane la Giunta ha preso atto anche delle indicazioni emerse nel corso delle riunioni di coordinamento, ovvero l’ attribuzione di una veste unitaria dal punto di vista architettonico alla loggia, alle uscite dell’autorimessa interrata e ai chioschi che saranno addossati alle uscite stesse. Inoltre saranno sostituite le grate metalliche (bocche di lupo) esistenti per motivi statici e saranno effettuati scavi per una nuova linea telefonica. Previsti anche alcuni interventi esterni all’area di concorso ovvero il rifacimento del tratto stradale da via Rovigo a via Rodi per rialzare il piano stradale e ampliare la percezione della piazza dalla nuova loggia al portico esistente e la riorganizzazione delle aree di sosta e fermata con la realizzazione di nuova segnaletica per ipovedenti. Definito anche l’intervento riguardante un nuovo giardino con ricollocazione della fermata dell’autobus. Questo nuovo spazio verde, cui verrà addossata la pensilina della fermata del bus, avrà inoltre la funzione di chiudere la piazza sul lato N-E. Un’area verde fruibile che consentirà alla piazza di mantenere la massima flessibilità per gli utilizzi commerciali e socio-culturali, ovvero mercato e manifestazioni pubbliche. La Giunta ha quindi dato il suo via libera alla progettazione definitiva ed esecutiva (entro fine anno), comprendendo gli interventi aggiuntivi per un costo complessivo dei lavori di 1,663 milioni di Euro. La nuova piazza Matteotti sarà ultimata entro l’estate del 2019 (previsti 100 giorni lavorativi consecutivi). Il Sindaco ha aggiunto che sarà opportunamente individuata, anche una nuova collocazione del busto di Giacomo Matteotti, per valorizzarne la presenza nella piazza.
Esprimendo soddisfazione per il successo ottenuto da bolzanoinbici con oltre 6.500 iscritti alla stracittadina, il sindaco ha fornito anche alcuni elementi di riscontro rispetto all’entrata in funzione del nuovo semaforo di via Einstein al posto della rotatoria all’incrocio con via Galvani e via Musy. “I primi riscontri sono positivi. Il semaforo che privilegia con il verde prolungato coloro che arrivano da Laives attraverso il tunnel di San Giacomo, stamane ha già eliminato le code che puntualmente al mattino si formavano in galleria. I test sui tempi di semaforizzazione dureranno ancora tutta la settimana, ma in ogni caso cercheremo di incentivare l’entrata in città non solo attraverso via Galvani (dove il traffico attualmente s’intasa) ma anche da via Buozzi e via Torricelli, che garantiscono uno scorrimento più fluido dei del traffico. Nelle prossime settimane il Comune di Laives provvederà ad istituire una ztl a fasce orarie a San Giacomo sulla vecchia statale per scoraggiare il traffico privato privilegiando il trasporto pubblico.
A proposito di trasporto pubblico, Caramaschi ha confermato di aver inviato una lettera ai sindaci e ai responsabili delle aziende di promozione turistica dell’Oltradige al fine di promuovere un’azione preventiva d’informazione rivolta gli ospiti che soggiornano nei Comuni di Appiano e Caldaro (1 milione di pernottamenti per una lunga stagione che va di norma da Pasquai ai Santi), ovvero la possibilità di risparmio in termini di tempo se non anche di denaro, di raggiungere il capoluogo per un visita in città, preferendo i mezzi pubblici, in particolare il nuovo servizio Metrobus, alla propria automobile. “Un’adeguata azione informativa “a monte” – ha detto il primo cittadino- consentirebbe ai tanti turisti che soggiornano nell’Oltradige di effettuare comodamente una visita a Bolzano soprattutto nelle giornate piovose, godendo appieno del tempo a disposizione, senza rimanere in coda. Così facendo gli ospiti, sempre benvenuti nel capoluogo, contribuirebbero anche a non appesantire il già significativo carico di veicoli in entrata ed in uscita dalla città, con evidenti positive ricadute anche sulla qualità dell’aria e quindi in generale dell’ambiente”. Il Sindaco di Bolzano ha in sostanza chiesto ai colleghi dell’Oltradige di attivarsi, per quanto nelle loro possibilità, affinchè venga data la massima pubblicità al nuovo servizio Metrobus, al percorso e agli orari delle corse,e contestualmente ad un’opera di sensibilizzazione in questo senso nei confronti degli operatori turistici. “Credo ne vada dell’interesse comune, tanto degli ospiti che affollano le località, quanto degli operatori e soprattutto delle nostre comunità. Limitare il traffico e dunque migliorare la circolazione,significa garantire in generale maggiore qualità dei servizi”.
Sempre in tema di mobilità e trasporti il Sindaco ha annunciato che la nuova collocazione della fermata degli autobus a lunga percorrenza (Flixbus e altri) sarà indicata a breve, probabilmente già nella prossima seduta di Giunta. “Due le ipotesi sulle quali stiamo lavorando. Dopo aver sentito anche i diretti interessati, formalizzeremo la decisione” ha detto il Sindaco.
Stamane la Giunta ha approvato una variante al piano d’attuazione della zona residenziale di espansione C2 “Prati di Gries” (Druso Est), ossia un modesto ampliamento ad est di circa 23 mq della superficie destinata a “giardini privati” a scapito dell’area destinata a “parco comune” all’edilizia agevolata. Per quanto riguarda la manutenzione straordinaria di ponte “Isarco” presso Cardano, approvata la bozza di accordo con il comune di Cornedo per la progettazione e l’esecuzione congiunta dei lavori (spesa complessiva circa 1 milione di Euro). Nominati i rappresentanti del Comune (triennio 2018-2021) nei comitati di gestione delle scuole dell’infanzia in lingua tedesca di via Genova e via Venezia: si tratta di Patrizia Buca Gozzi e Sabine Wallnofer per la prima e Marlene Sebastiani e Martina Kreutzer per la seconda. Nominata la commissione giudicatrice del concorso pubblico per titoli ed esami per il conferimento di 1 posto di architetto con contratto a tempo indeterminato (9a qualifica funzionale) con rapporto di lavoro a tempo pieno – 38 ore settimanali. Autorizzata la revisione contingente dei posti disponibili per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale per l’anno 2018 (profilo inserviente. Stipulata una concessione-contratto con la societa’ Tan & Flan per l’uso di alcuni locali di proprietà comunale siti in piazza Domenicani 20.
Inoltre, il Comune, su indicazione dell’Avvocatura ha deciso di non costituirsi in giudizio nel ricorso in appello presentato da una società privata sulla sentenza del Tar di Bolzano (47/2018) per il cambio di destinazione d’uso di un’area di via Mendola. La complessa vicenda coinvolge anche la Provincia oltre ai privati, con il Tar che ha stabilito che “la trasformazione di una zona da verde privato a edificabile si può giustificare in ragione di esigenze pubblicistiche, ma il venir meno di queste non ne autorizza l’ulteriore trasformazione a residenziale”. L’area in questione destinata a verde privato, era stata dapprima trasformata in zona per impianti pubblici affinché fosse destinata alla realizzazione di una struttura sociale di accoglienza e successivamente in zona residenziale. Su tale destinazione i confinanti hanno proposto ricorso al Tar poi accolto dal collegio giudicante. A questo punto il contenzioso si svolgerà solo tra i soggetti privati direttamente coinvolti.

In foto: Bolzano. Piazza Matteotti – Rendering.  

 

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *