Arte Cultura & Società Ultime Notizie

Bolzano. TRANSART18, una manifestazione da non perdere

7 Settembre 2018

author:

Bolzano. TRANSART18, una manifestazione da non perdere

È di nuovo il momento di ballare! Per tutti gli amanti del clubbing l’8 settembre Transart dedica un’intera giornata a questo ormai imprescindibile fenomeno contemporaneo.
Si comincia dal mattino! Il collettivo “wupwup/Tanzen ist auch Sport” festeggia infatti i dieci anni di attività, e lo fa in collaborazione con Transart portando la musica elettronica nel cuore di Bolzano, in un luogo iconico per la vita bolzanina: Piazza delle Erbe. Con l’obiettivo di far avvicinare sempre più persone al genere dell’elettronica i dj di wupwup si esibiranno tra le bancarelle circondati dai prodotti caratteristici del mercato, tra le 11.00 e le 14.00. In tutto saranno tre gli appuntamenti con gli artisti di wupwup: l’8 settembre con il dj set di D_Roots e Mattia Lorenzi, il 15 settembre con Lois Lane e Daniel Peruzzo e per concludere il 22 settembre con Arno Parmeggiani e Davide Piras.
Chi non si volesse accontentare di questo showcase diurno tra le bancarelle di Piazza Erbe dovrà aspettare la serata. Sempre l’8 settembre infatti, alle ore 23.00, nel capannone ex Masten di via Altmann 16, Mutek plays Transart – The advanced clubbing porterà alla console una selezione dei migliori artisti del festival canadese Mutek. Questo festival nato a Montréal, dove vanta già la bellezza di 19 edizioni, è un’eccezionale piattaforma per l’elettronica e l’arte digitale, ed ha esportato il proprio formato in Messico, Spagna, Argentina, Dubai, Stati Uniti e Giappone. Transart ha il merito di aprire una finestra a Bolzano su questa importante realtà internazionale.
Al capannone ex Masten si divideranno il palco Alexis Langevin-Tétrault, Woulg & Push 1 Stop, The Mole, Deadbeat e Dasha Rush. Il primo è un maestro nell’integrare la musica sperimentale alle apparecchiature elettroniche e performance audiovideo, utilizzando oggetti trasformati in strumenti, tecniche da rumorista, sintetizzatori modulari e proiezioni. Woulg & Push 1 Stop nel loro set Interpolate, esplorano forme di performance audiovisiva in cui le apparecchiature elettroniche intervengono quasi come un terzo attore; mischiando tecniche di live coding, processi generativi e visuals realizzati in tempo reale vogliono fondere i due medium creando un’improvvisazione interconnessa, dove a guidare il gioco si alternano il dj, il visual artist e le apparecchiature stesse.
Seguiranno i live di The Mole e Deadbeat, quest’ultimo arricchito dai visuals di Push 1 Stop, e da ultimo Dasha Rush, con visuals di Julius Horsthuis.
Di Mutek, della subcultura del clubbing e dell’arte digitale si parlerà anche nel “talk” con Patti Schmidt, curatrice del festival di Montreal, organizzato da Transart al Parkhotel Laurin, sempre l’8 settembre alle ore 12.00.
Anche quest’anno grazie alla collaborazione con la Sasa Transart organizza un mezzo di trasporto efficiente ed ecosostenibile. Gli autobus ad idrogeno saranno infatti in funzione dalle 22.00 alle 4.30 ogni 30 minuti per raggiungere il capannone ex-Masten o tornare verso la città. Per maggiori informazioni consulta il sito http://transart.it/event/mutek-plays-transart-the-advanced-clubbing/

In foto: Clubbing Interpolate/© Sebastien Roy.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *