Politica

Bolzano. Doppio passaporto, ora Kurz smorza i toni

18 Settembre 2018

author:

Bolzano. Doppio passaporto, ora Kurz smorza i toni

Salvini a Vienna venerdì scorso: ”Troveremo un accordo
“L’Italia non ha motivo di agitarsi“. Lo ha detto il cancelliere austriaco Sebastian Kurz a giornalisti in viaggio verso Roma dove in questi minuti incontra, assieme alla ministra degli esteri, Karin Kneissl, il presidente del consiglio Giuseppe Conte. “Molti sudtirolesi desiderano il doppio passaporto che è anche previsto dal programma di governo. Abbiamo sempre messo in chiaro che agiremo d’intesa con Roma“, ha aggiunto Kurz. Il leader dei Popolari austriaci ha sottolineato, riferisce l’Apa, che per il momento non esiste nessun disegno di legge.
“Appena sarà disponibile inizieremo il processo di confronto con Roma ma non è ancora il momento”, ha concluso Kurz.
A Vienna, un paio di giorni fa, Salvini vicino all’amico e alleato Heinz Christian Strache, è stato più che prudente sulla questione doppio passaporto. “Troveremo un accordo” ha detto infatti Salvini. D’altra parte proprio Strache ha insistito per inserire la doppia cittadinanza per i sudtirolesi nell’accordo di governo con la Övp di Sebastian Kurz e la sua Fpö è alleata stretta della Lega. Da settimane i partiti di centrodestra incalzano il Carroccio perché scopra le carte sui temi che toccano la convivenza. “La Lega in Alto Adige deve fare chiarezza sui rapporti con partiti antitaliani che non hanno mai nascosto posizioni a favore del distacco dall’Italia “ interviene Alessandro Urzì (Alto Adige nel cuore – Fratelli d’Italia). La Lega in Alto Adige deve informare Salvini delle costanti provocazioni subite dagli italiani in alto Adige, ed assumere posizioni ferme come le ha sull’immigrazione. Ci spieghino altrimenti come dovrebbero essere interpretate le parole di Salvini “troveremo un accordo” sulla cittadinanza austriaca quando non c’è davvero nulla su cui discutere.”

Foto, SebastianKurz

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *