Cultura & Società Spettacoli Ultime Notizie

Trentino. A Cavalese il tributo al 《Sergente nella neve》Rigoni Stern

17 Agosto 2018

author:

Trentino. A Cavalese il tributo al 《Sergente nella neve》Rigoni Stern

Con «Il Sergente nella neve · La Natura» arriva a Cavalese la attraente proposta multimediale dedicata al grande Mario Rigoni Stern, celeberrimo narratore della montagna e “tramite” di memorie storiche (laddove il pensiero corre istintivamente a quelle sulla tragica ritirata di Russia). Brani dell’Autore asiaghese interpretati a due voci – a cominciare dal 《Sergente nella neve》 – musica dal vivo, foto originali e “suoni” della natura saranno le componenti dello spettacolo. Elementi che, intrecciandosi fra loro, promettono di avvincere un pubblico di tutte le età nell’arco di un’ora molto intensa, serrata e varia.
L’appuntamento è per LUNEDÌ 20 agosto alla Sala del Lettore del Palafiemme di Cavalese (via Fratelli Bronzetti), con inizio alle ore 21 e ingresso libero.
Metà dello spettacolo vedrà ripercorrere, con corredo fotografico, proprio l’emozionante bestseller autobiografico “Il Sergente nella neve”, mentre negli altri 30 minuti vi saranno accattivanti pagine dedicate da Rigoni Stern alla vita degli animali del bosco (cervo, capriolo, volpe, scoiattolo eccetera), con tanto di insegnamenti dello scrittore sull’approccio alla natura.
Sul palco New Eos teatro-musica Bolzano, con gli attori Mara Da Roit e Patrizio Zindaco (voci narranti) e Luca Dall’Asta alle musiche.
Una vera preziosità sarà rappresentata dalla proiezione di immagini, avendo la famiglia Rigoni Stern aperto per l’occasione il proprio archivio fotografico, includente testimonianze fotografiche di Mario Rigoni Stern dalla giovinezza in poi, numerose delle quali riferite all’esperienza di alpino e di Sergente nella Neve, altre al prima e al dopo la Russia. Vi saranno poi bellissime  immagini di animali selvatici, opera di fotonaturalisti. E non mancherà una sorpresa finale.
Organizza il Comune di Cavalese per residenti, villeggianti e per tutti gli estimatori dell’indimenticato “testimonial” della montagna.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *