Arte Cultura & Società Esteri Ultime Notizie

Riscoprire l’imponente arte di Max Spielmann

12 Agosto 2018

Riscoprire l’imponente arte di Max Spielmann

Max Spielmann fu un pittore e sculture austriaco di grande talento, ma molti oggi non si ricordano più di lui del suo decisivo apporto per il tessuto artistico tirolese. Nato a Innsbruck nel 1906, quando il capoluogo tirolese era ancora una città dell’Impero austro-ungarico, proprio nella sua città natale apprese le prime nozioni artistiche presso la Bundesgewerbeschule. Successivamente si trasferì a Monaco e dal 1926 al 1930 frequentò la Staatsschule für angewandte Kunst per poi accedere all’Accademia di Belle Arti della città bavarese, dove studiò fino al 1939 con il maestro Franz Klemmer. Essendo artista, dopo lo scoppio della Seconda Guerra mondiale si diresse in Norvegia e in Russia con una troupe di corrispondenti di guerra come disegnatore. Dopo la fine del conflitto nel 1945 tornò nel capoluogo tirolese per dedicarsi esclusivamente all’arte. Dopo la guerra Spielmann creò diversi importanti affreschi, mosaici, pitture su vetro e portali di bronzo che ancora oggi si possono ammirare nel Tirolo. Max Spielmann assieme a Fred Hochschwarzer per anni fu il più rinomato pittore su vetro del dopoguerra del Tirolo. Spielmann oltre a creare magnifici affreschi, fino alla morte avvenuta nel 1984 a Innsbruck, si dedicò alla realizzazione di acquarelli, incisioni, pitture ad olio, ceramiche e altro. Molte furono le sue personali nelle più importanti città austriache, tra cui Vienna, Graz e Salisburgo, nonché Innsbruck. Persino al Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum in occasione dei suoi 75 anni nel 1981. Il professor Spielmann, titolo conferitogli dal Presidente della Repubblica d’Austria nel 1963 ebbe considerevoli riconoscimenti, come il III Staatspreis della città di Vienna nel 1935, la Pygmalion-Medaille der Deutschen Kunststiftung der Wirtschaft, nonché il Ehrenzeichen für Kunst und Kultur der Stadt Innsbruck nel 1983.
Ahimè, a distanza di anni dalla sua scomparsa sarebbe giusto dare maggior risalto alla sua immensa creazione artistica, che troppi ancora non conoscono a sufficienza.

Infoto: sgraffito Castell Veldidena, Wohnhaus Leopoldstraße 44, Innsbruck, 1963.  

 

 

 

 

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *