Cultura & Società Ultime Notizie

Fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019, una grande rivoluzione

23 Agosto 2018

author:

Fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019, una grande rivoluzione

Dal 1° gennaio 2019 tutti gli imprenditori hanno l’obbligo di emettere fatture elettroniche e inviarle digitalmente. L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ricorda che, se la fattura non sarà compilata secondo la nuova normativa sarà considerata non emessa e l’omissione sarà sanzionata.
“La novità riguarda tutti gli imprenditori, anche chi non emette direttamente fatture proprie, perché, a partire dalla suddetta data riceverà esclusivamente fatture per via digitale”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser, che mette in guardia da questa grande rivoluzione aziendale da non sottovalutare in alcun modo.
“Pur mancando qualche mese a fine anno, tutti gli imprenditori dovrebbero prepararsi per tempo al cambiamento”, ricorda Karl Untertrifaller, amministratore dell’Unione cooperativa. Nella fase preparatoria ogni imprenditore dovrebbe non solo adeguare i suoi strumenti tecnici (software ecc.) in vista dei nuovi adempimenti, ma coinvolgere anche tutti i collaboratori interessati. In tale ottica vanno quindi verificati i processi interni e riviste tutte le procedure aziendali, precisa Untertrifaller.
Fin da subito l’Unione offre alle aziende nel settore del commercio e dei servizi, a prescindere dalla loro dimensione, un aiuto. In autunno sono previsti diversi eventi informativi per istruire gli imprenditori sulle novità e presentare le soluzioni tecniche. In particolare, sono previste anche soluzioni fatte su misura per l’attuazione immediata della fatturazione elettronica, della trasmissione digitale, della registrazione e della conservazione per il tempo prescritto.
L’Unione assicura ogni tipo di assistenza e può far fronte a tutti gli adempimenti per le imprese non strutturate o fornire soluzioni parziali alle imprese strutturate. Oltre a una semplice app sono disponibili anche procedure web più complesse.

In foto: Philipp Moser.   

 

 

 

  

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *