Cronaca Ultime Notizie

Bolzano. Denunciati due conducenti per guida in stato d’ebbrezza

14 Agosto 2018

author:

Bolzano. Denunciati due conducenti per guida in stato d’ebbrezza

Nel fine settimana del 12 agosto il personale dipendente dalla Polizia Stradale di Bolzano, nell’ambito dei consueti servizi di vigilanza stradale su tutto il territorio provinciale, finalizzati alla prevenzione ed al contrasto della guida sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti ha accertato 2 violazioni al Codice della Strada per guida in stato d’ebbrezza.
Una pattuglia dipendente dal Distaccamento Polizia Stradale di Bressanone (BZ), in data 11 agosto verso le ore 01.35 nel comune di Laion (BZ) ha fermato per un normale controllo un’autovettura Suzuki. Il conducente, classe 1961, sottoposto agli accertamenti di rito, dapprima tramite l’utilizzo in via preliminare del precursore e successivamente tramite l’apparecchiatura etilometro, è risultato positivo al controllo che dava come riscontro la presenza di sostanze alcooliche nel sangue per un valore pari a 1,33 g/l. Pertanto, gli operatori hanno proceduto al ritiro immediato del documento di guida e all’affidamento del veicolo ad altra persona.
Come comunicato dalla Polizia Stradale, la vigente normativa prevede che per porsi alla guida di un veicolo il tasso alcolemico non deve superare il valore di 0,50 g/l.
In serata il personale dipendente della Sezione Polizia Stradale di Bolzano, in località Gargazzone (BZ), sulla Strada denominata MEBO ha fermato un’autovettura Fiat Punto e anche in questo caso, nei confronti del conducente, che palesava sintomi correlati all’abuso di alcol, gli Agenti hanno eseguito il controllo con l’etilometro, da cui è emersa la presenza di un tasso alcolemico pari a 2,30 g/l.
Il conducente, un cittadino italiano residente a Merano, classe 1974, è stato denunciato per guida in stato d’ebbrezza e il suo documento di guida ritirato ai fini della sospensione. La pattuglia ha proceduto al sequestro amministrativo del veicolo finalizzato alla confisca, così come previsto dalla normativa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *