Cultura & Società Ultime Notizie

Giovedì lungo al Museion di Bolzano

16 Luglio 2018

author:

Giovedì lungo al Museion di Bolzano

Giovedì lungo a Museion quello del 19 luglio prossimo, con un doppio appuntamentoAlle ore 19 si svolge infatti una visita guidata speciale nella mostra “Somatechnis”. A guidare il pubblico attraverso le tematiche dell’esposizione ci saranno il curatore, Simone Frangi e la direttrice di Museion, Letizia Ragaglia.

Somatechnis è un progetto risultato vincitore di un concorso a inviti per stimolare il dialogo tra posizioni di artisti e artiste che lavorano in Austria e in Italia. Prendendo le mosse dalle particolarità storiche e geopolitiche dell’Alto Adige/SüdtirolSomatechnics prolunga la riflessione lanciata dal politico e attivista Alexander Langer e mette a fuoco le abitudini di profilazione che classificano determinati corpi sulla base di stereotipi visivi legati al genere, alla “razza”, classe, religione o orientamento sessuale.
La mostra è ospitata al quarto piano di Museion ed esplora il potenziale di diversi media artistici (pittura, installazione, ricerca sonica, pratiche video e pratiche performative). La visita guidata si svolge in lingua italiana e tedesca ed è a ingresso libero. Come ogni giovedì, Museion rimane aperto fino alle ore 22 con ingresso gratuito dalle ore 18.
La serata prosegue, dalle ore 22 alle 23.30 con la Facciata Mediale, che ospita il secondo appuntamento di “Argon”. Il progetto, in collaborazione con Bolzano Danza, mette in dialogo il video degli artisti ZimmerFrei con la performance di danza di Fabrizio Favale. Argon prende il nome dal gas che costruisce l’atmosfera terrestre ed è strutturato in diversi capitoli, in cui Favale sviluppa i concetti di variazione dello stato della materia. Ricalcando e utilizzando la verticalità e la fluidità tra dentro/fuori dell’architettura di Museion, Argon mette in relazione densità materiche con paesaggi dell’immaginario. I paesaggi potenti dei video degli artisti ZimmerFrei -un’isola vulcanica dell’Egeo e una di sabbia del Mare del Nord- accolgono la coreografia, facendo da contraltare immaginativo alla danza.
In foto: un momento da “Argon”, progetto in collaborazione con Bolzano Danza/c-Andrea Macchia.  

 

 

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *