Politica

Bolzano. “Uniti per Laives” apre nuova sede. Bianchi lamenta frammentazione

22 Luglio 2018

author:

Bolzano. “Uniti per Laives” apre nuova sede. Bianchi lamenta frammentazione

Appello di Michaela Biancofiore (Fi).per un’alleanza in Alto Adige delle Civiche con Fi, Lega e Fdi
Il sindaco Christian Bianchi annuncia l’apertura della nuova sede di “Uniti per Laives”, sottolineando “l’originalità” della sua lista civica che predilige le relazioni personali con i cittadini alla pratica dilagante dei contatti attraverso i social. È pur vero che le prossime amministrative che interessano Laives si terranno nel non vicinissimo 2020, come ha ricordato Bianchi in occasione della apertura della nuova sede, ma è un fatto che le provinciali sono vicine e se, a quanto pare, la sua candidatura non sembra essere all’ordine del giorno, certo è che l’interesse per un centrodestra unito resta la sua aspirazione costante. “La continua nascita di liste che vogliono correre da sole” – osserva Bianchi – con la presunzione di rappresentare tutti gli italiani rischia seriamente di ottenere l’esatto contrario. Con un sistema elettorale che non prevede collegamenti di lista, i voti di chi non raggiunge il quorum sono tutti voti persi. Dai 12 consiglieri di lingua italiana in Consiglio provinciale nella legislatura precedente a quella in scadenza, siamo giunti agli attuali 5, e non sembra che la tendenza stia marciando verso un cambio di rotta”.
Con il progetto di Roberto Bizzo le contiguità dell’area Bianchi, per ammissione dello stesso Sindaco, non sono compatibili. “Siamo troppo differenti per aderire al suo progetto- ammette Bianchi – la mia area rimane quella in cui sono cresciuto e con la quale sono diventato primo cittadino”
Intanto oggi, in vista delle provinciali di ottobre, giunge l’’appello  della deputata altoatesina Michaela Biancofiore (Fi). “Le nascenti plurime liste civiche dell’Alto Adige, prendano esempio dalle cugine del vicino Trentino e puntino a coalizzarsi, non a frammentare ulteriormente“. “Forza Italia – aggiunge – è disponibile, come ha detto oggi il vicepresidente Tajani, ad aprire le sue porte e a fare ragionamenti che aggregano per dare una speranza di rappresentatività al gruppo italiano dell’Alto Adige.
Un progetto territoriale – secondo Biancofiore – che preveda una forma di alleanza delle civiche con Fi, Lega e Fdi che potrebbe portare alla conseguimento in Alto Adige da parte del gruppo italiano di 6-7 consiglieri così da “potersi presentare alla Volkspartei con la forza della dignità e dei numeri“.”Un esperimento – conclude – che riunisca le due province, nonostante due leggi elettorali diverse.

In foto, Christian Bianchi

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *