Cultura & Società Musica Ultime Notizie

Rovereto. Ecco i vincitori del Concorso Internazionale AudiMozart 2018

11 Giugno 2018

author:

Rovereto. Ecco i vincitori del Concorso Internazionale AudiMozart 2018

Dopo due intense settimane di audizioni, che hanno coinvolto molti   concorrenti provenienti da molte nazioni, mercoledì 6 giovedì 7 venerdì 8, la giuria – composta da Luigi Azzolini: Presidente di Giuria, Giancarlo Guarino: Giudice Permanente, Emilio Galante: Giudice per il flauto – Luca Benucci: Giudice per il corno – Giorgio Versiglia, Giudice per il fagotto Arnaldo De Felice, Giudice per l’oboe – Lorenzo Guzzoni, Giudice per il clarinetto ha decretato i 5 vincitori del concorso «AudiMozart!» 2018.

I giovani talenti risultati vincitori sono: FLAUTO  1° premio FRANCESCA BRUNO – CORNO 2° premio VINCENZO CARLO SCHIAVELLO – OBOE 1° premio RODOMONTI FRANCESCA – FAGOTTO 1° premio RUIZ BANDOUX JUAN, – CLARINETTO  1° premio ALESSANDRO BEVERARI.

La serata si è aperta con l’esecuzione del concerto di Mozart per flauto KV 314, da parte della prima classificata per la categoria flauto Francesca Bruno, giovane artista già premiata nel 2013 al concorso ” E. Krakamp” e al concorso internazionale “C. Reinecke” (terzo premio). La flautista, già prima parte in prestigiosi enti sinfonici ha dato prova di grande personalità e fantasia nel modo di porgere la musica. Vincenzo Carlo Schiavello, vincitore del secondo premio (primo non assegnato) per la categoria corno ha quindi eseguito il concerto KV 495 con sensibilità e precisione. Schiavello, già vincitore assoluto al concorso “Giovani Musicisti città di Paola” e al concorso per solisti “Luciano Luciani” ha al suo attivo numerose collaborazioni professionali in orchestra. Il concerto “Gala” dei vincitori ha quindi visto come protagonista l’elegante fagottista venezuelano Juan Ruiz Bandoux Birveni, già primo fagotto della famosa orchestra “Simon Bolivar” e solista con le orchestre “Francisco de Miranda”, “Vicente Emilio Sojo” e la stessa “Simon Bolivar”.  Juan Ruiz, vincitore dell’Audi Mozart per la categoria fagotto si è distinto nell’esecuzione del concerto KV 191 di Mozart per nobiltà ed un gusto raffinato. Francesca Rodomonti, vincitrice della categoria oboe ha quindi suonato il concerto KV 314. La brava oboista ha già avuto significative collaborazioni in qualità di primo oboe con orchestre come la Cherubini, l’orchestra del teatro Olimpico a Vicenza e l’orchestra sinfonica di Bergen e a vinto nel 2015 il prestigioso premio Abbado. La giovane artista nell’esecuzione del concerto di Mozart ha brillato in particolare per le qualità espressive. Il “Gala” si è concluso con l’esecuzione del concerto KV 622 di Mozart da parte del vincitore della categoria clarinetto, Alessandro Beverari, autentico fuoriclasse originario di Verona. Beverari, vincitore assoluto dei concorsi “M. Fiorindo ” e “Tokyo Music Competition” è primo clarinetto presso la “Tokyo Philarmonic Orchestra”. Nell’esecuzione del concerto ha mostrato eccezionali doti musicali ed interpretative regalando agli ascoltatori una rivisitazione della pagina mozartiana ricca di grande esuberanza unita a una maestria strumentale senza pari.
In conclusione della manifestazione, sabato 9 giugno presso la Filarmonica di Rovereto, si è tenuto il Concerto di Gala dei cinque vincitori, che, accompagnati dall’Orchestra Giovanile Mozart diretta Dal M° Enrico Lombardi e M° Arturo Armellino, hanno eseguito i concerti di Mozart composti per il loro strumento.
La serata – presentata da Giancarlo Guarino – è stata un grande successo, con pubblico presente sia in sala sia in rete, dove visitatori da tutto il mondo hanno affollato i server che trasmettevano la diretta.

Bruno Francesca (1995) diplomata presso il conservatorio “L. Refice” di Frosinone nel 2012; si è formata anche frequentando vari Masterclasses. Nel 2013 ottiene il 2° posto al concorso “E. Krakamp” nella categoria C, e il terzo premio al 1° concorso internazionale “C. Reinecke”. Ha inciso la prima registrazione assoluta delle variazioni sulla “Linda di Chamounix” di E. Krakamp. Nel 2017 ha vinto l’audizione per il ruolo di primo flauto per l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano e si diploma al Master of Advanced Studies in Music Performance and Interpretation (MAS) presso il Conservatorio della Svizzera Italiana, nella classe di Andrea Oliva. Ha vinto l’audizione come primo flauto per l’orchestra professionale di esercitazioni orchestrali del Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma (2017) e ha riottenuto l’idoneità per l’orchestra Giovanile Italiana. Svolge anche attività di musica da camera. Prosegue la sua formazione presso l’Accademia romana AIMART e presso la scuola di musica “Ariadimusica”.

  1. A. Mozart – Concerto per flauto in sol maggiore KV 314 

Allegro maestoso – Adagio ma non troppo – Rondò. Tempo di minuetto 

Schiavello Vincenzo Carlo studia ìcorno dall’età di 11 anni con il maestro Antonio Baccaglini. Ha collaborato con l’Orchestra Giovanile della Calabria, l’Orchestra Giovanile Napoli- nova, l’Orchestra Sinfonica “La Grecia”, la JuniOrchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, la Youth Orchestra del Teatro dell’opera di Roma, l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia e l’Orchestra Giovanile Italiana. Frequenta attualmente il conservatorio di musica “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia sotto la guida del M° Giuseppe Barletta. È allievo del M° Luca Benucci presso la Scuola di musica di Fiesole. Ha partecipato a varie Masterclasses e ha avuto significative esperienze con musicisti di fama come S. Accardo, A. Pappano, C. Rizzari e A. Ceccato. È membro dell’Ensamble 900 dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e dell’European Wind Ensamble. Nel 2015 è vincitore del primo premio assoluto al Concorso Internazionale “Giovani Musicisti città di Paola” e primo premio al Concorso per solisti “Luciano Luciani”.

  1. A. Mozart – Concerto per corno KV 495 

Allegro Maestoso; Romanza – Andante Cantabile; Rondò – Allegro Vivace 

Ruiz Bandoux Juan Birveni ha iniziato i suoi studi musicali a Guarenas (Venezuela), proseguendoli poi al Conservatorio Superiore di Musica Bolívar (M°Omar Ascanio). Ha seguito inoltre corsi tenuti dai professori K. Thunemann, S. Azzolini, M. Racz, S. Canuti, L. Lefevre, H. Trog. A 15 anni è stato fagotto principale della Youth Symphony Orchestra “Francisco de Miranda”; a 19 ha vinto il ruolo di fagotto solista nella Simón Bolívar Symphony Orchestra. Ha lavorato con direttori illustri (G. Dudamel, C. Abbado, Sir S. Rattle, K. Penderecki, B.Mantovani). Ha vinto il primo premio per musica da camera con il quintetto “Venezuela”. Ha suonato come solista con le orchestre sinfoniche Simón Bolívar, Francisco de Miranda e Vicente Emilio Sojo. Attualmente si perfeziona al CNSM di Lione nella classe di Carlo Colombo e Olivier Massot.

  1. A. Mozart – Concerto per fagotto in si bemolle maggiore KV 191 

Allegro – Andante ma adagio – Rondò. Tempo di menuetto 

Rodomonti Francesca (1992), si è diplomata in oboe nel 2012 presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali Peri di Reggio Emilia (M° Miriam Moretti) e ha frequentato numerosi Masterclasses. Attualmente si perfeziona all’Universitat Mozarteum di Salisburgo (M° Ste- fan Schilli). Nel 2015 si è classificata prima al Premio Abbado e nel 2017 ha vinto il terzo premio al Concorso Internazionale di Chieri. É risultata idonea ed ha collaborato (come primo oboe) con numerose orchestre. Dal 2014 è primo oboe presso l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza. Dal 2017 suona con l’Orchestra Giovanile L. Cherubini. Spesso suona come Principal Oboe con la Bergen Philarmonic Orchestra.

  1. A. Mozart – Concerto per oboe in do maggiore KV 314 

Allegro aperto – Adagio non troppo – Rondò. Allegretto 

Alessandro Beverari, si è diplomato con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Verona. Si è perfezionato con R. Crocilla, P. Beltramini, R. Guyot e A. Carbonare. A 20 anni ha debuttato in qualità di solista con l’orchestra dell’Arena di Verona. È stato membro della Pacific Music Festival Orchestra diretta da V. Gergiev. Si è aggiudicato il 3° premio al Concorso “S. Mercadante”, il 3° premio al concorso “Citta di Carlino”, il 3° premio al con- corso “Città di Chieri”, il 1° premio al Concorso “M. Fiorindo” e il 1° premio al Concorso “Tokyo Music Competition”. Dal 2017 è primo clarinetto presso la Tokyo Philharmonic Orchestra.

  1. A. Mozart – Concerto per clarinetto in la maggiore KV 622 

Allegro – Adagio – Rondò. Allegro

In foto: i vincitori assieme ad Arnaldo Volani.  

 

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *