Cultura & Società Ultime Notizie

La Mela Alto Adige IGP in Norvegia, Marocco e Israele

25 Giugno 2018

author:

La Mela Alto Adige IGP in Norvegia, Marocco e Israele

I tre mercati emergenti sono stati la meta di un progetto europeo.

La maratona a Tel Aviv, una gara di sci di fondo in Norvegia e degustazioni in cinque centri commerciali marocchini: queste le occasioni principali in cui la Mela Alto Adige IGP ha potuto conquistare, nel giro di tre anni, quasi 150.000 nuovi palati. L’iniziativa dei due consorzi della mela VIP e VOG è stata sostenuta dai dipartimenti Marketing e Sales di IDM Alto Adige per promuovere l’immagine del frutto principe altoatesino e aumentarne le esportazioni.
La qualità, la provenienza e gli elevati standard di produzione sono il biglietto da visita con cui la Mela Alto Adige IGP ha riagganciato i mercati emergenti di Marocco e Israele e ha rafforzato la propria presenza nel mercato norvegese. La cornice dell’iniziativa è il progetto europeo “Discover the european lifestyle” che punta a trasmettere, attraverso i prodotti con marchio di qualità, l’arte di vivere e mangiare europea. «I consorzi delle mele VOG e VIP cercano di diversificare i mercati e intraprendono iniziative di marketing: l’accompagnamento e il supporto a tali iniziative rientra tra i compiti principali che IDM porta avanti a favore dei prodotti tipici altoatesini grazie alla sua conoscenza dei mercati internazionali. I tre mercati Israele, Marocco e Norvegia conoscono la mela Alto Adige IGP ma adesso si punta a riprendere e potenziare le attività già svolte anche con la EOS. IDM ha ereditato da quest’ultima le competenze nell’accompagnamento delle attività di marketing per i programmi con finanziamento europeo: i progetti sono infatti preziosi per rafforzare le campagne già esistenti a favore dei prodotti e far affluire ulteriori finanziamenti per promuoverli» afferma Hansjörg Prast, direttore di IDM.
In particolare questa attività co-finanziata dall’Unione Europea ha permesso di far entrare la nostra mela nei due mercati Marocco e Israele che stanno richiedendo sempre di più frutta con standard di qualità europei. In Norvegia – il terzo Paese del progetto – invece le mele europee sono già inserite nel mercato da parecchio tempo. Qui i consumatori sono molto attenti e sensibili a quello che mangiano e cercano la raffinatezza e l’eleganza che viene loro trasmessa dai prodotti del resto d’Europa.
In occasione delle ultime tre edizioni della gara di sci da fondo Birkenbeinerrennet di Lillehammer, tappa norvegese del circuito mondiale Worldloppet che riunisce le migliori gare di sci da fondo, sono state distribuite 48.000 mele Fuji, Golden Delicious e Gala. Si sono svolte inoltre 540 giornate di degustazione nei punti vendita con 116.500 mele Golden Delicious, Granny Smith e Gala.
I consumatori israeliani e marocchini percepiscono i prodotti europei come sinonimo di elevata qualità, rendendo quindi questi Paesi mercati ideali per la Mela Alto Adige IGP. Lo scopo della promozione in questi due Paesi mediterranei è stato quindi quello di stabilire un contatto diretto e accrescere la conoscenza della mela europea.
In Marocco nei tre anni di progetto si sono svolte 30 giornate di informazione e degustazione delle Mele Alto Adige IGP all’interno di diversi centri commerciali meta della media-alta borghesia che ha i mezzi economici e l’interesse di acquistare prodotti di qualità con una provenienza chiara. In totale sono state distribuite 22.500 mele Golden Delicious, Red Delicious e Granny Smith.
Le mele Kanzi sono invece state le protagoniste della campagna in Israele: ne sono state distribuite 60.000 tra i 120.000 corridori di ogni livello accompagnati da amici, famiglie e pubblico di supporto alle tre edizioni della Tel Aviv Samsung Marathon. Si sono anche svolte 92 giornate di informazione e degustazione delle Mele Alto Adige in numerosi punti vendita israeliani appartenenti alla maggiore catena locale, la Shufersal. In questi tre anni sono stati inoltre distribuiti nei tre Paesi 105.000 ricettari e 21.000 tagliamela.

Foto/© IDM.  

 

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *