Cronaca Ultime Notizie

A Bolzano tre stranieri arrestati dalla Squadra Volante ed una espulsione

15 Giugno 2018

author:

A Bolzano tre stranieri arrestati dalla Squadra Volante ed una espulsione

Nelle giornate del 12 e 13 Giugno 2018, nel quadro di un’ampia attività di controllo del territorio urbano finalizzata al contrasto dei reati predatori e all’aumento del livello di percezione della sicurezza nella cittadinanza, gli uomini della Squadra Volante della Questura di Bolzano hanno proceduto all’arresto di tre uomini extracomunitari.
In particolare, nelle prime ore del pomeriggio di martedì 12 Giugno, gli agenti hanno colto in flagranza di reato, in due aree centrali della città, un cittadino nigeriano di 19 anni e un cittadino gambiano di 26 anni, entrambi senza fissa dimora, responsabili del delitto di lesioni personali aggravate dall’utilizzo di strumenti atti ad offendere.
Nel primo caso, il giovane nigeriano, in regola sul territorio nazionale in quanto richiedente asilo, durante una violenta discussione con un’altra persona extracomunitaria avvenuta in Via Perathoner per motivi ancora sconosciuti, ha impugnato un coccio di bottiglia raccolto dal suolo e colpito il suo interlocutore alla spalla sinistra, procurandogli una profonda ferita lacerocontusa ed altre escoriazioni.
Il tempestivo arrivo sul posto della Volante, nel frattempo allertata dalla Sala Operativa, ha consentito di interrompere l’azione criminosa in atto, nonché di porre fine ad una situazione che stava destando notevole preoccupazione ed allarme sociale, considerato l’elevato numero di presenti alla scena.
L’autore del reato, già noto per i suoi precedenti penali e di polizia per rissa, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, furto e ricettazione, dopo essere stato prontamente bloccato e identificato, è stato condotto negli uffici della Questura, dove ha posto in essere una violenta resistenza nei confronti degli agenti al fine di divincolarsi e cercare la fuga, senza però riuscirci.
All’esito di tutti gli accertamenti, il soggetto è stato dichiarato in stato di arresto e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, condotto presso la Casa Circondariale di Bolzano.
Anche nel secondo caso si è trattato di una violenta lite tra due persone straniere, avvenuta all’interno del Parco Cappuccini. In tale circostanza, il giovane gambiano, irregolare sul territorio nazionale, ha colpito ripetutamente un suo connazionale, dapprima con il sellino di una bicicletta e poi con alcuni cocci di bottiglia, provocandogli diverse ferite ad un braccio, ad una spalla ed alla testa, a seguito delle quali ha riportato una prognosi di 15 giorni.
All’arrivo della Volante, il responsabile dell’azione criminosa si stava già allontanando ma, grazie alla descrizione fornita dalla vittima e da un testimone ancora presente sul posto, è stato immediatamente individuato e raggiunto dai poliziotti. Condotto in Questura per le operazioni di identificazione, l’autore del reato, già gravato da numerosi precedenti penali e di polizia per reati contro il patrimonio, è stato dichiarato in stato di arresto per poi essere tradotto in carcere a disposizione dell’A.G.
Inoltre, nella mattinata di mercoledì 13 Giugno, i poliziotti della Squadra Volante hanno proceduto all’arresto di un cittadino marocchino di 30 anni, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bolzano. Intervenuti presso un negozio del centro cittadino per una segnalazione di tentativo di furto, gli agenti hanno riconosciuto e bloccato il colpevole all’esterno dell’esercizio commerciale.
L’uomo, a seguito degli opportuni controlli, è risultato destinatario di un Ordine di cattura per l’esecuzione della pena della reclusione della durata di mesi 11 e giorni 29 e, pertanto è stato condotto presso il locale Istituto Penitenziario.
Per il cittadino gambiano, infine, all’esito degli accertamenti, è stata disposta, su ordine del Questore di Bolzano, l’espulsione immediata con conseguente traduzione al C.P.R. (Centro per il Rimpatrio) di Bari.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *