Economia Ultime Notizie

Bolzano. Bollette energia e gas, ancora un anno prima della abolizione del mercato tutelato

24 Maggio 2018

author:

Bolzano. Bollette energia e gas, ancora un anno prima della abolizione del mercato tutelato

CTCU, informarsi in tempo per non farsi trovare impreparati

C’è tempo ancora circa un anno per poter passare dal cosiddetto mercato tutelato al mercato libero dell’energia e del gas. L’abbandono del primo dovrà avvenire entro luglio 2019, a meno di nuove proroghe. Nonostante siano ancora moltissime le famiglie con un contratto di fornitura nel mercato tutelato, sono già numerosi coloro che si stanno informando presso lo Sportello energia del CTCU su cosa sia meglio fare e soprattutto quale fornitore e quale tariffa scegliere per non farsi trovare impreparati al passaggio.

C’è ancora molta confusione fra i consumatori su spesa annua e importi e voci delle bollette– comunica il Centro Tutela consumatori Utenti – Le bollette non sono uniformi per tutti i gestori e inoltre alcuni inviano in automatico anche il dettaglio della bolletta, mentre altri non lo fanno. A volte le bollette arrivano con ritardo e quando arrivano riportano magari importi elevati, per i quali i diretti interessati non riescono a trovare subito spiegazioni adeguate e chiare. Ancora molte famiglie non riescono a determinare esattamente la propria spesa complessiva annua di luce e gas e nemmeno conoscono, oppure semplicemente non riescono a comprendere dalla bolletta, il proprio consumo annuo, che è un dato sempre fondamentale per sapere se si stia pagando “il giusto” o “troppo” Altri hanno notato aumenti anche consistenti di alcune voci della bolletta (oneri di sistema) e, spesso, i fornitori non sono in grado di fornire loro spiegazioni adeguate. Importante è quindi poter disporre di consulenti indipendenti ed esperti che ci aiutino a valutare la nostra situazione e la nostra spesa.”
Attenzione a chi promette sconti o bonusSi deve guardare alle voci che compongono la bolletta, in particolare alla voce “materia energia”, l’unica sulla quale il fornitore vi può applicare uno sconto: questa è solo il 43,84% del costo complessivo esposto in fattura. Dunque se qualcuno, anche al telefono, vi promette uno sconto, ad esempio, del 10%, questo non riguarda l’intera importo in bolletta, ma solo questa voce (e nemmeno per l’intero).
Per quanto riguarda eventuali “bonus una tantum”, può essere senz’altro utile prenderli in considerazione ai fini di valutare un risparmio di spesa, ma è anche bene verificare se siano sottoposti o meno ad una durata “minima” di contratto e quindi se li si debba restituire in caso di recesso anticipato dal contratto.
È possibile richiedere assistenza presso lo Sportello energia presso la sede del CTCU a Bolzano, Via Dodiciville, 2 con appuntamento telefonico (0471-975597) oppure inviando una email a info@centroconsumatori.it

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *