Cultura & Società Musica Ultime Notizie

Bolzano. Sabina von Walther e Monteverdi Akademie sul palco della sala Michelangeli

20 Aprile 2018

author:

Bolzano. Sabina von Walther e Monteverdi Akademie sul palco della sala Michelangeli

La collaborazione fra la Società dei Concerti di Bolzano e il locale Conservatorio ha sempre portato alla realizzazione di comuni progetti concertistici: Il prossimo venerdì 27 aprile si esibiranno il Monteverdi Brass Quintet e il soprano Sabina von Walther insieme all’orchestra da camera Monteverdi Akademie sotto la direzione di Emir Saul.
L’orchestra da camera MONTEVERDI AKADEMIE nasce all’interno del Conservatorio di Bolzano con l’intento di ricreare il clima di far musica delle accademie settecentesche italiane, da Corelli a Geminiani, da Vivaldi a Tartini, nelle quali il compositore  -  esecutore  -  caposcuola faceva coincidere totalmente l’idea compositiva, concertistica e didattica suonando al fianco dei propri allievi, similmente a quanto accadeva nelle coeve botteghe d’arte figurativa.
Il soprano altoatesino Sabina von Walther si è fatta conoscere internazionalmente debuttando nel ruolo di Asterio nell’ Europa riconosciuta di Salieri alla Scala di Milano sotto la direzione di Riccardo Muti. Ha studiato canto diplomandosi con il massimo dei voti e lode all’ Università della musica di Vienna sotto la guida di Helena Lazarska e Walter Berry. Ha poi seguito corsi di perfezionamento con Dietrich Fischer-Dieskau, Brigitte Fassbaender, Leone Magiera e Edda Moser. Ha vinto premi al concorso Das Schubert-Lied a Vienna e al concorso Schubert und die Musik des 20. Jahrhunderts a Graz. Grazie alla sua versatilità e ad un repertorio sempre in espansione, Sabina von Walther è assai richiesta sui palcoscenici concertistici internazionali. Come concertista ha cantato ad esempio al Musikverein di Vienna in Les Illuminations di Britten, nella Suntory Hall di Tokyo in un’ apprezzata esecuzione della Messa dell’ incoronazione e del Requiem di Mozart, come all’ inaugurazione della Kawasaky Hall con il Te Deum di Bruckner.
Il programma del concerto del 27 aprile prevede il Quintetto n. 1 op. 5 in si bemolle maggiore di Victor Ewald eseguito dal Monteverdi Brass Quintet e la trascrizione di Klaus Simon della Quarta Sinfonia per soprano e orchestra da camera di Gustav Mahler eseguita dalla solista Sabina von Walther e dalla MONTEVERDI AKADEMIE. Dirige il maestro Emir Saul, docente di “Esercitazioni Orchestrali e di Tecnica della Direzione Orchestrale” presso il Conservatorio.

Sabina von Walther (Soprano)

Il soprano altoatesino Sabina von Walther, nata a Roma, si è fatta conoscere internazionalmente debuttando nel ruolo di Asterio nell’Europa riconosciuta di Salieri alla Scala di Milano sotto la direzione di Riccardo Muti. Nel 2007 è stata ingaggiata da Zubin Mehta per il ruolo di Freia nell’apprezzata produzione del Ring wagneriano (Regia La Fura dels Baus) al Palaus de les Arts Reina Sofia a Valencia e sempre con Zubin Mehta ha eseguito il Te Deum di Bruckner a Firenze.
Nel 2005 è stata insignita del premio Bayerischer Kunstförderpreis per la sua interpretazione di Blanche in Les Dialogues des Carmélites di Francis Poulenc al Teatro di Stato di Norimberga.
Sabina von Walther ha studiato canto diplomandosi con il massimo dei voti e lode all’Università della musica di Vienna sotto la guida di Helena Lazarska e Walter Berry. Ha seguito corsi di prefezionamento tra l’altro con Dietrich Fischer-Dieskau, Brigitte Fassbaender, Leone Magiera e Edda Moser. Ha vinto premi al concorso Das Schubert-Lied a Vienna e al concorso Schubert und die Musik des 20. Jahrhunderts a Graz. Ha debuttato come cantante lirica interpretando il ruolo della Contessa (Le Nozze di Figaro) a Bregenz, dove è ha recitato anche Donna Anna (Don Giovanni). Come membro della compagnia del Teatro statale di Norimberga (2002-2006) ha cantato Pamina (Die Zauberflöte), la Contessa, Adina (L’Elisir d’Amore), Fiordiligi (Così fan tutte), Micaela (Carmen), Gilda (Rigoletto), Euridice (nell’Orfeo ed Euridice di Gluck) e Gerhilde (Die Walküre).
È stata invitata ad interpretare Liù (Turandot) e Lisa (Das Land des Lächelns con la regia di Brigitte Fassbaender) al Teatro regionale Tirolese di Innsbruck, Sandrina (L’Infedeltà delusa) al Festival Haydn di Eisenstadt sotto la direzione di Adam Fischer, Marcellina (nella Leonore di Beethoven) ai Schloßfestspiele di Ludwigsburg con la direzione di Michael Hofstetter, la Contessa (Le Nozze di Figaro) al Teatro Argentina di Roma. Nel 2006 ha debuttato come prima Damigella (Die Zauberflöte) sotto la direzione di Jean Christophe Spinozi al Teatro Regio di Parma, dove, due anni più tardi, ha cantato anche nelle Scene del Faust di Schumann in un allestimento di Hugo de Ana. Nel 2009 ha interpretato Freia nell’Oro del Reno diretto da Stefan Anton Reck a Bari.
Grazie alla sua versatilità e ad un repertorio sempre in espansione, Sabina von Walther è assai richiesta sui palcoscenici concertistici internazionali. Come concertista ha cantato ad esempio al Musikverein di Vienna in Les Illuminations di Britten, nalla Suntory Hall di Tokyo in un’aprezzata esecuzione della Messa dell’incoronazione e del Requiem di Mozart, come all’inaugurazione della Kawasaky Hall con il Te Deum di Bruckner. L’Italienisches Liederbuch di H. Wolf nel Konzerthaus di Vienna e i Lieder di Schubert nella Stefaniensaal di Graz, e le arie da concerto di Mozart nell’ambito di Klangbogen di Vienna si sono risolti in un successo. Al festival di Bregenz è stata solista nella IV di Mahler, così come al Festival Händel di Gottinga nell’Ode di Santa Cecilia di Händel e Blow, al festival Anima Mundi di Pisa nella Creazione di Haydn e nel Messia di Händel al festival di Dobbiaco (direttore: Gustav Kuhn). È stata soprano solista nelle Stagioni di Haydn e nello Stabat Mater di Dvorák diretti da Stefan Vladar, nella Passione secondo Matteo di Bach con l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento diretta da Gustav Kuhn. Ha interpretato lo Stabat Mater di Rossini diretto da Alberto Zedda e Sogno di una notte di mezza estate di Mendelssohn diretto da Rafael Frühbeck de Burgos a Parma e, nel 2010, Carmina Burana al Teatro Massimo di Palermo e la Messa in fa min. di Bruckner diretta da Hansjörg Albrecht. Ad Ancona ha cantato nella IX sinfonia di Beethoven diretta da Hubert Soudant, al Festival Beethoven di Varsavia e, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino, all’inaugurazione dell’Anno della fede nella Sala Nervi in Vaticano nel giugno 2013 in eurovisione.
Al teatro di San Gallo ha interpretato il ruolo di Alzira nell’omonima opera di Giuseppe Verdi, seguito dal debutto al Teatro La Fenice di Venezia come Contessa (Le nozze di Figaro) con la regia di Damiano Michieletto. Al Festival invernale di Erl ha recitato nel 2012 la contessa di Le Nozze di Figaro e nel 2013 Donna Elvira nella rappresentazione del Don Giovanni diretto da Gustav Kuhn. Nel 2015 ha debuttato come Chrisotemis in Elektra al Comunale di Bologna, sotto la direzione di Lothar Zagrosek e la regia di Guy Joosten. Nel febbraio 2017 è stata impegnata all’Accademia Santa Cecilia per il Lobgesang di Mendelssohn sotto la direzione di Pablo Heras-Casado, a Erl nella Matthäus Passion diretta dal M° Kuhn e al Teatro Regio di Torino nella Zauberflöte.
Sabina von Walther ha una passione per la musica contemporanea. In perfetta sintonia con il compositore italiano, suo marito, Arnaldo de Felice, ha cantato nel 2001 presso il festival operistico di Zurigo e di Monaco di Baviera Saeki in Akumu e, nel 2005, ha debuttato nel ruolo di Una Donna nella Medusa, sempre di Arnaldo de Felice, alla Staatsoper di Monaco di Baviera.

MONTEVERDI AKADEMIE

L’orchestra da camera “MONTEVERDI AKADEMIE” nasce all’interno del Conservatorio di Bolzano con l’intento di ricreare il clima e l’idea stessa di far musica delle accademie settecentesche italiane, da Corelli a Geminiani, da Vivaldi a Tartini, nelle quali il compositore-esecutore-caposcuola faceva coincidere totalmente l’idea compositiva, concertistica e didattica suonando al fianco dei propri allievi, similmente a quanto accadeva nelle coeve botteghe d’arte figurativa.

EMIR SAUL

Nato a Buenos Aires, ha studiato Composizione e Direzione d’Orchestra all’Universidad Nacional de La Plata, laureandosi col massimo dei voti e l’applauso della giuria.
È stato fondatore e direttore dell’Ensamble Musical “La Plata”, l’Orchestra della Facultad de Bellas Artes dell’U.N.L.P, e l’Orchestra Giovanile dell’Universidad Nacional di Tucumán.
Nel 1984 si sposta a Tucumán dove ricopre il ruolo di Direttore Stabile delle orchestre della Provincia di Tucumán e dell’Universidad Nacional di Tucumán. Dal 2011 al 2016 è stato Direttore Principale dell’Orquesta Sinfonica Municipal de Mar del Plata.
Nel Teatro Colón di Buenos Aires si presenta prima come compositore (1983, 1984), e poi come direttore d’Orchestra nel 1986, iniziando allora una carriera internazionale che lo porterà a dirigere negli Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Olanda, Belgio, Spagna, Corea del Sud, Grecia, Portogallo, Romania e Italia, dove risiede dal 1989 e paese del quale ha preso la cittadinanza.
Queste sono alcune delle orchestre da lui dirette: Royal Philharmonic, (Londra) Estable del Teatro Colón, Filarmónica di Buenos Aires, “Haydn” (Bolzano, Italia), Statale di Salonicco (Grecia), Köln Domkapelle, Sheboygan Symphony (USA), Orchestra si Padova e il Veneto, Sinfónica Nacional (RA), Seoul Academy Orchestra (Corea), “I Virtuosi Italiani”, Sinfonica di San Marino, “Oltenia” (Filarmonica di Stato di Craiova – Romania), del Teatro dell’Opera di Timisoara (Romania), Filarmonica di Montevideo (Uruguay), del Teatro Olimpico di Vicenza, Accademica della Fondazione Toscanini. Con esse ha sviluppato un repertorio che supera le 400 composizioni sinfoniche e 12 opere liriche.
Oltre ai già citati Teatro Colón, Thessaloniki Concert Hall e Opera House del Seoul Arts Center; si è presentato tra altri nel Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Comunale di Modena e Teatro Olimpico di Vicenza, esibendosi con artisti di riconosciuto livello internazionale come Natalia Gutman, Lyla Zilberstein, Nelson Goerner, Pavel Vernikov, Cecilia Gasdia, Katia Ricciarelli, Rocco Filippini, Ana Chumachenko e Alberto Lyssy.
Ha partecipato in importanti Festival Internazionali come, Ravenna Festival, “Il Settembre dell’Accademia” (Verona), Festival di Portogruaro, ‘900 ed Oltre (RE) e Septiembre Musical Tucumano.
È stato docente di Direzione Orchestrale nell’Università di La Plata (RA), attualmente è insegnante all’I.A.F.A.M. “Claudio Monteverdi” di Bolzano, nelle cattedre d’Esercitazioni Orchestrali, e di Tecnica della Direzione Orchestrale.
Dal 2006 è Direttore Artistico dell’Associazione Amici della Musica del Lago di Garda.

Venerdì 27 aprile – ore 20 – Conservatorio
Biglietto intero: € 20
Ridotto < 26 anni: € 5
4Family (Accompagnatori (max. 2) di giovani fino ai 20 anni): € 10

I biglietti possono essere acquistati presso le casse del Teatro Comunale di Bolzano (Tel. 0471 053800) oppure online sul nostro sito www.societadeiconcerti.org

In foto: Sabina von Walther/c-Manuela Tessaro 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *