Economia

Alto Adige. Turismo sostenibile, la bassa stagione diventa alta e l’accoglienza registra aumenti importanti

19 Aprile 2018

author:

Alto Adige. Turismo sostenibile, la bassa stagione diventa alta e l’accoglienza registra aumenti importanti

Svettano i turisti italiani e germanici, seguiti dagli svizzeri. Tra i primi dieci Paesi compaiono Austria, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Belgio, Regno Unito, Polonia e Francia.
Aumentano i turisti che scelgono l’Alto Adige per le loro vacanze: sono 32,4 milioni i pernottamenti registrati in Alto Adige tra novembre 2016 e ottobre 2017. Un aspetto rilevante dei dati rilevati dall’Astat è quello che indica un incremento di presenze anche in bassa stagione. Il fenomeno corrisponde allo sviluppo della strategia di IDM che consiste nel puntare a campagne pubblicitarie miranti a spalmare arrivi e pernottamenti sulle quattro stagioni dell’anno solare.
Un’analisi complessiva dell’andamento turistico dello scorso anno è documentato nella brochure “Dati e fatti turistici 2017” di IDM Alto Adige. Viene qui confermato un incremento della tradizionale presenza di turisti provenienti dall’Italia e dalla Germania. Gli ospiti italiani, sebbene continuino a frequentare l’Alto Adige prevalentemente in agosto, mese che vale il 30% dei loro pernottamenti annuali, hanno aumentato le loro presenze anche in aprile, maggio e giugno.
L’idea di puntare su un’offerta basata su temi in linea con le stagioni e affine alle caratteristiche delle zone dell’Alto Adige è ben accolta dai nostri principali ospiti”, commenta con soddisfazione Thomas Aichner, direttore del dipartimento Marketing di IDM.

Alto Adige, terra per turisti vacanzieri

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *