sindacale Ultime Notizie

Novità Modello 730/2018

24 Marzo 2018

author:

Novità Modello 730/2018

Tante sono le novità della dichiarazioni dei redditi 2018 a partire dalla nuova scadenza per la presentazione del modello. L’amministratore delegato del Caaf della Cgil-Agb, Marco Pirolo, precisa che si potrà presentare la dichiarazione dei redditi già a partire dal 3 aprile, mentre il precompilato online dell’Agenzia delle Entrate sarà a disposizione dal 16 aprile con la possibilità di modificarlo e inviarlo solo dal 2 maggio. La scadenza ultima di presentazione è fissata per il 23 luglio, anche se per aver garantito in busta paga l’eventuale rimborso a luglio è necessario presentare la dichiarazione entro il 7 di luglio. Pirolo ricorda inoltre che tra le maggiori novità c’è la possibilità, per chi ha dimenticato di portare in detrazione oneri o deduzioni, di presentare un Modello 730 integrativo a favore entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione originaria tramite modello 730.
Il Caaf della Cgil altoatesina evidenzia le novità rilevanti per gli utenti, ad esempio per le spese di istruzione relative all’anno di imposta 2017 il limite ammesso è stato aumentato a 717 euro per singolo studente per la frequenza di scuole dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e scuole di secondo grado del sistema nazionale di istruzione, come per mensa, gite e soggiorni organizzati dalla scuola.
Inoltre le spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede, per gli anni di imposta 2017 e 2018, è possibile detrarli anche se l’università è situata all’interno della stessa provincia di residenza dello studente e il limite della distanza tra ateneo e residenza è ridotto da 100 a 50 chilometri per gli studenti residenti in zone montane o disagiate. Per le spese sanitarie relative agli anni di’imposta 2017 e 2018 è stata introdotta la possibilità di detrarre l’acquisto di alimenti a fini medici speciali inseriti nella sezione A1 del Registro nazionale.
Novità anche per i premi di risultato e welfare aziendale: per l’anno d’imposta 2017 possono essere assoggettati a tassazione agevolata del 10% fino a 3 mila euro. L’agevolazione spetta solo ai lavoratori dipendenti del settore privato che nel 2016 abbiano percepito redditi da lavoro dipendente non superiori a 80 mila euro. Riguardo all’ecobonus è stata introdotta una detrazione pari al 70% per le spese sostenute dal primo gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per alcuni interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che interessino l’involucro dell’edificio. In ogni caso è opportuno verificare prima, rivolgendosi al Caaf, la tipologia degli interventi ammessi alla nuova agevolazione.
Per i redditi da terreni gli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola per gli anni 2017, 2018 e 2019, non concorreranno i redditi dominicali e agrari alla formazione della base imponibile ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche.Per le locazioni brevi a partire dal primo giugno 2017, se i contratti sono stati conclusi con l’intervento di soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, i canoni di locazione sono da dichiarare e verranno assoggettati a una ritenuta del 21%. Inoltre la legge di bilancio 2017 prevede che le quote di pensione in favore dei superstiti erogate agli orfani concorrano al reddito imponibile annuo ai fini Irpef per l’importo eccedente ai mille euro e per i lavoratori rimpatriati è possibile calcolare ai fini del reddito complessivo solo il 50% dei redditi prodotti come lavoratore dipendente nel 2017.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *