Economia Ultime Notizie

Alto Adige. Il modello cooperativo in agricoltura è idoneo alle sfide future, convegno di Raiffeisen

16 Marzo 2018

author:

Alto Adige. Il modello cooperativo in agricoltura è idoneo alle sfide future, convegno di Raiffeisen

La futura politica UE in agricoltura, un’efficace comunicazione con i consumatori e l’incalzante digitalizzazione dell’agricoltura nell’era interattiva sono stati i temi del convegno della Federazione Raiffeisen a Marlengo. Johann Költringer, responsabile del Reparto Questioni economiche agrarie ed europee presso la Federazione Raiffeisen austriaca ha analizzato la politica agricola comune (PAC). Oggetto di nuove trattative e dibattiti, per verificare la coerenza della agricoltura con l’industria alimentare, sarà l’orientamento sempre più marcato dei consumatori verso la sostenibilità e a favore dell’ambiente. “Gli obiettivi climatici sono contenuti nei primi concetti dei nuovi accordi”, ha riferito Költringer, il quale ha già avuto modo di visionare i documenti che, tra gli altri, affrontano anche temi come la sostenibilità, l’ambiente, il benessere degli animali e la tutela paesaggistica. Költringer ha inoltre offerto una breve panoramica sulle conseguenze di Brexit e sugli accordi internazionali in materia di GAP, riassumendo così: “In fin dei conti, si tratta di coniugare le condizioni per una produzione agricola con le esigenze dei consumatori e i trend generali.”
Klemens Skibicki, professore di Economia, marketing e ricerca di mercato alla Cologne Business School di Colonia, ha parlato invece di agricoltura nell’era della connettività, aprendo così il suo intervento: “Il cambiamento strutturale avviato dalla digitalizzazione è irreversibile e non può essere arrestato. L’era della connettività digitale nell’economia di rete comporta nuove opportunità, nuove regole e una nuova cultura aziendale”. Riconoscere questi fatti e comportarsi di conseguenza è un imperativo. A tale scopo devono essere adeguati anche i processi interni alle aziende, ponendo maggiormente l’accento sui desideri dei clienti. “Nell’economia attuale”, ha proseguito Skibicki, “lo standard è stabilito dal migliore della rete, non dal migliore del settore”. Tutte le altre imprese devono misurarsi con tale standard, proprio perché è ciò che richiedono i clienti, ponendo così sempre di più l’uomo al centro dell’attenzione. “Collaboratori e amici diventano ambasciatori del marchio, condizionando in misura determinante le decisioni d’acquisto”, ha affermato, “e pertanto devono essere coinvolti anche nella comunicazione aziendale digitale.
Nel suo discorso conclusivo, il direttore generale della Federazione Raiffeisen Paul Gasser ha ribadito come il modello cooperativo sia idoneo al superamento delle sfide future, sottolineando l’importanza, ai fini di un successivo orientamento, di analizzare i nuovi impulsi e gli esempi di buone prassi.
In foto, convegno Raiffeisen a Marlengo

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *