Politica Ultime Notizie

Merano. Il Piano sociale pronto entro giugno 2018

3 Novembre 2017

author:

Merano. Il Piano sociale pronto entro giugno 2018

Il Comune di Merano sta lavorando intensamente all’aggiornamento e alla revisione del Piano sociale, un documento di riferimento fondamentale per le decisioni sociopolitiche e per l’attuazione dei vari provvedimenti nei diversi settori (famiglia, anziani, giovani e migranti). Un gruppo di indirizzo nominato dalla Giunta comunale seguirà le ultime tappe del progetto, che prevede un ampio coinvolgimento della popolazione e di esperti ed esperte di enti pubblici e privati. Il Piano sarà pronto entro giugno del prossimo anno e contemplerà strategie e misure per i prossimi tre anni.

Per illustrare lo stato attuale dei lavori e il metodo di indagine adottato sono intervenuti l’altro giorno in conferenza stampa in municipio l’assessore agli affari sociali Stefan Frötscher, la direttrice dell’Ufficio competente Sabine Raffeiner nonché Klaus Tumler e Karl Gudauner della società di formazione e ricerca Chiron di Bolzano, che è stata incaricata dal Comune di aggiornare il Piano.

“Il Piano sociale – ha esordito Frötscher – è uno strumento di pianificazione fondamentale per il Comune, perché analizza nel dettaglio il fabbisogno nel settore sociale per il periodo dal 2018 al 2021 fornendoci informazioni importanti alle quali possiamo attingere per prendere le nostre decisioni. Il documento ci permetterà anche di effettuare previsioni fino al 2025”.

Analisi del fabbisogno

I primi passi per l’elaborazione di queste previsioni sono già stati mossi. “Le informazioni basilari per la rielaborazione del Piano le abbiamo ricavate dall’analisi dello sviluppo demografico degli ultimi dieci anni e dalla valutazione delle statistiche sociali. Da una parte abbiamo registrato i trend piuttosto stabili che riguardano la struttura famigliare e il processo di invecchiamento, dall’altra nuove sfide da affrontare nel settore giovani e migranti e, più in generale, nell’ambito dello sviluppo urbano”, ha precisato Tumler. “Intervistando i rappresentanti di diverse istituzioni abbiamo potuto raccogliere importanti dati in merito alle offerte di assistenza e ai servizi che vengono tuttora garantiti. Oltre ai dati sintetici abbiamo dunque potuto valutare anche esperienze maturate sul campo”, ha aggiunto Gudauner.

Ora l’obiettivo primario è definire il futuro fabbisogno. Per la rielaborazione del Piano sociale, che è stato redatto nella sua prima versione nel 2009, sono stati individuati quattro temi principali: famiglia, anziani, giovani e migranti. “Su ciascuno di questi quattro temi si concentreranno nelle prossime settimane e all’inizio del 2018 altrettanti gruppi di lavoro specifici composti da esperti/e del settore ma anche dai/dalle diretti/e interessati/e. Nel corso delle riunioni verranno raccolte, per ciascuna tema, impressioni e proposte che verranno tenute in debita considerazione nell’analisi del fabbisogno”, ha specificato Raffeiner. “Per noi è importante coinvolgere nella redazione del nuovo Piano sociale la cittadinanza. Ringrazio fin d’ora tutte le persone che vorranno darci il loro contributo per migliorare la qualità del Piano”, ha dichiarato Frötscher.

Assemblea civica in primavera

Nel segno della trasparenza e della partecipazione democratica la bozza del Piano sociale verrà presentata alla popolazione nel corso di un’assemblea civica prevista in primavera. La versione definitiva del Piano sociale, che verrà predisposta dalla società Chrion d’intesa con il gruppo di indirizzo appena nominato, sarà pronta entro giugno del 2018. Il gruppo di indirizzo seguirà tutta la procedura e incontrerà a intervalli regolari gli operatori della società Chiron per verificare i risultati via via ottenuti e il rispetto del cronoprogramma. Del gruppo fanno parte, oltre all’assessore Frötscher e alla direttrice d’ufficio Raffeiner, anche il vicesindaco Andrea Rossi, la direttrice di ripartizione Barbara Nesticò, Brigitta Dunkl, funzionaria dell’Ufficio servizi sociali del Comune, Florian Prinoth e Silvia Gretter della ripartizione Servizi sociali della Comunità comprensoriale del Burgraviato nonché – in qualità di consulente chiamato dall’esterno – l’ex direttore della ripartizione servizi sociali della Provincia Karl Tragust.

Il costo complessivo per la redazione del nuovo Piano sociale ammonta a 39.500 euro più IVA.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *