Cultura & Società Ultime Notizie

Grandi storie su un grande schermo

9 Novembre 2017

author:

Grandi storie su un grande schermo

Il Filmfestival dell’oew porta l’ora di lezione al cinema: il film vincitore è „All three of us“ 

Il tema del festival cinematografico di quest’anno, pensato per gli studenti e le studentesse delle scuole superiori e che durerà fino  venerdì, è “true stories”. Nell’ambito di questa manifestazione, organizzata dall’oew-Organizzazione per Un mondo solidale, quasi 2000 studenti e studentesse hanno avuto l’occasione di confrontarsi con i film “A United Kingdom”, “Suffragette”, “Il diritto di contare”, “Ein Dorf sieht schwarz” e “All three of us”. Quest’ultimo è stato decretato vincitore dell’edizione di quest’anno da parte di una giuria interna e verrà proiettato lunedì 13 novembre, alle ore 20, presso il Forum di Bressanone. 

Al centro della 14esima edizione del festival cinematografico dell’oew ci sono storie vere, raccontate in cinque film proiettati questa settimana a Merano, Brunico, Bressanone e Silandro. Questi, presentati in tedesco, italiano e inglese, raccontano le vicende di persone che, a causa del colore della loro pelle, del loro sesso, del loro orientamento politico o del loro status sociale, hanno subito discriminazioni, hanno combattuto per il loro riconoscimento sociale e hanno cambiato profondamente la società.  “A United Kingdom“ racconta dell’amore tra l’erede al trono del Botswana e un’impiegata inglese al tempo dell’Apartheid. Nel film “Il diritto di contare” protagoniste sono tre geniali matematiche della NASA, mentre in “Ein Dorf sieht schwarz” la vicenda ha luogo in un paesino francese in cui arriva un nuovo medico dal Congo.  “Sufragette” racconta invece l’avvincente storia della lotta per il diritto di voto in Inghilterra e “All three of us”, film vincitore di quest’anno, segue le vicende di una famiglia iraniana costretta a fuggire dal suo paese. Con molto coraggio, ironia e  determinazione Hibat e sua moglie combattono prima contro il regime Schah, poi contro gli scagnozzi di Ayatollah Khomeini. Quando la stretta politica diviene incontrollabile, i due si vedono costretti a fuggire, ritrovandosi marginalizzati nella periferia francese.

“‘All three of us‘ (Solo noi tre assieme) non è solo il credo dei protagonisti del film vincitore di quest’anno, ma anche la miglior dimostrazione di cosa diviene possibile quando le persone decidono restare unite”, ammette il direttore dell’oew Matthäus Kircher. Questo è il messaggio che l’oew vuole trasmettere ai circa 1800, tra studenti e studentesse, che stanno partecipando a quest’edizione del festival. Da 14 anni ormai, studenti ed insegnanti da tutta la regione affollano i cinema, dove hanno la possibilità di confrontarsi con film impegnativi e con gli argomenti che trattano. Nelle prossime settimane i referenti dell’oew andranno nelle classi che hanno partecipato al festival, per affrontare in maniera più approfondita con gli studenti le tematiche affrontate dal film che hanno visionato. “L’idea di proporre un altro modo di fare lezione si è dimostrata vincente. I giovani, infatti, hanno l’opportunità di accedere a temi complessi e di imparare in maniera attiva, godendosi un buon film” racconta soddisfatta Verena Gschnell, responsabile per il festival cinematografico nel team dell’oew.

Per concludere il festival il film vincitore, “All three of us  – Nur wir drei gemeinsam”, verrà proiettato lunedì 13 novembre, alle ore 20, presso il Forum di Bressanone. La proiezione sarà aperta all’intera comunità, previo acquisto del biglietto del costo di 6 euro. Per tutti gli spettatori, a proiezione conclusa, ci sarà un piccolo.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *