Politica Ultime Notizie

Bolzano. Approvato l’ingresso della Provincia in SASA e la trasformazione in società inhouse

21 Novembre 2017

author:

Bolzano. Approvato l’ingresso della Provincia in SASA e la trasformazione in società inhouse

Via libera all’affidamento diretto della concessione del trasporto pubblico.

La Provincia di Bolzano entra in SASA Spa con 500mila euro accanto ai soci pubblici attuali, i Comuni di Bolzano, Merano e Laives. Come  riferito da Arno Kompatscher, oggi la Giunta ha approvato la partecipazione della Provincia all’aumento di capitale sociale della Spa che gestisce servizi urbani ed extraurbani di trasporto pubblico a Bolzano, Laives, Merano e Lana. Questo passaggio, preceduto da analoga decisione dei tre Comuni soci, consente di classificare la SASA come società inhouse – azienda a capitale interamente pubblico che si occupa dell’erogazione di servizi pubblici locali – e di poter ricorrere pertanto all’affidamento diretto della concessione in scadenza nel 2018 senza bando di gara europeo. “È quanto prevede la normativa UE e in linea con la possibilità contemplata anche nella legge provinciale sulla mobilità del 2015”, sottolinea l’assessore Florian Mussner.

Con i 500mila euro della Provincia, il capitale sociale di SASA Spa passa da 2,3 a 2,8 milioni di euro, la quota detenuta dalla Provincia si aggira sul 17% delle azioni. Kompatscher ha ricordato che è stata approvata contestualmente anche la modifica dello statuto societario per garantire il cosiddetto controllo analogo, previsto dalle norme comunitarie: la Provincia disporrà pertanto di un diritto di veto sulle delibere del Comitato di indirizzo in tema di strategie e politiche aziendali connesse con il servizio e gli investimenti. Il Presidente ha infine ricordato che con la soluzione della società inhouse la Provincia intende “migliorare ancora il servizio, garantire e promuovere, in collaborazione con i Comuni interessati, forme di mobilità innovative e progetti pilota all’avanguardia nel servizio di trasporto pubblico urbano ed extraurbano dei maggiori centri altoatesini.”

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *