Cronaca Ultime Notizie

Trento. Operazioni di controllo del territorio in borghese contro l’attività di spaccio

18 Ottobre 2017

author:

Trento. Operazioni di controllo del territorio in borghese contro l’attività di spaccio

Ad integrazione delle quotidiane attività dedicate alla viabilità cittadina, la Polizia Locale è sempre più orientata a garantire la vivibilità del territorio e la sicurezza urbana. L’attività di prevenzione è rivolta in modo particolare ad alcune zone della città ed ai parchi urbani, dove i fenomeni di microcriminalità e di piccolo spaccio vanno ad incrementare la percezione di insicurezza dei residenti. Ma se l’attività di prevenzione si manifesta in particolar modo con una maggiore e capillare presenza di personale in uniforme, ulteriori risorse vengono impiegate nell’attività di repressione, tramite un nucleo di agenti specializzato nella Polizia Giudiziaria, che agisce in abiti borghesi e con veicoli privi dei colori di istituto.

Nel corso dell’anno sono state effettuate numerose operazioni di controllo del territorio, in sinergia con il personale in divisa in servizio nelle diverse aree della città e dei sobborghi. Queste hanno portato a numerosi sequestri di piccole quantità di sostanze stupefacenti per uso personale o per spaccio di lieve entità.

L’attività è stata ulteriormente intensificata e solo nelle ultime settimane il personale del Nucleo di Polizia Giudiziaria ha sequestrato all’interno del parco di Piazza Venezia oltre16 grammi di sostanza stupefacente.

Il controllo, organizzato con personale in borghese del Nucleo di Polizia Giudiziaria, nella parte alta verso via Venezia dove erano giunte alcune segnalazioni di frequentazioni strane, ha riguardato le parti dei giardini dove insistono panchine e cestini dei rifiuti. L’hashis era stato abbandonato senza confezione, forse per la percezione che era in atto un controllo delle forze di polizia.

A seguito di segnalazione del vigile di quartiere, nei giorni successivi, presso il parco posto fra la via Gilli e via Pranzelores, sono stati realizzati accertamenti su alcuni giovani assuntori di sostanze stupefacenti, sequestrando un bilancino di precisione e circa 10 grammi di sostanza stupefacente (hashish) ad un minore e un ulteriore mezzo grammo ad un maggiorenne. I due giovani sono stati segnalati al Commissariato del Governo per i provvedimenti sanzionatori di natura amministrativa, previsti per i consumatori.

Infine il Nucleo di P.G., a seguito di una accurata attività di indagine dapprima d’iniziativa e successivamente coordinata dalla Magistratura, ha posto sotto sequestro due piccole piantagioni di marijuana, estirpando in totale 11 piante già pronte per il raccolto, per quasi 17 chilogrammi totali di sostanza vegetale. Le coltivazioni erano nelle immediate adiacenze di un sobborgo collinare, a poche decine di metri da una passeggiata molto frequentata, ma occultate ad arte nella vegetazione. Da dette piante sarebbe stato possibile produrre oltre due chilogrammi di sostanza stupefacente, che al dettaglio hanno un valore che si aggira su ventimila Euro. Ripetuti appostamenti e il posizionamento di apparecchi di videosorveglianza hanno fornito importanti spunti investigativi, per cui sono tuttora in corso le indagini per risalire ai responsabili delle coltivazioni, che stante le quantità sopra descritte rischiano una condanna dai 6 ai 20 anni.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com